DISAGRIA, un ambizioso progetto di ANFFAS ONLUS per la Casa Famiglia di Taglicozzo



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo – Inclusione sociale, networking e radicamento sul territorio. Questi sono gli elementi chiave che caratterizzeranno il progetto di agricoltura sociale promosso da ANFFAS ONLUS all’interno della Casa Famiglia di Tagliacozzo in provincia dell’Aquila. Il progetto è stato presentato giovedì 19 aprile presso la struttura immersa nel verde situata alle porte del paese. La conferenza stampa e l’inaugurazione con taglio del nastro ad opera del Sindaco di Tagliacozzo Vincenzo Giovagnorio in collaborazione con l’assessore al sociale Leonardo Casciere si è poi conclusa con la cena preparata e offerta dagli ALPINI e dai ragazzi della Casa Famiglia. La preparazione dei pasti è stata possibile grazie alla nuova cucina donata dal Comitato Feste Patronali di Collelongo 2017 capitanata da Giovanni Del Turco che ha efficacemente contribuito alla creazione di un ambiente famigliare all’interno della struttura.

Una giornata di festa e di solidarietà che ha visto la partecipazione di una comunità: La Marsica. All’evento, oltre al sindaco di Tagliacozzo e l’assessore al sociale di Avezzano, erano presenti l’assessore Manuela Marletta e la Consigliera  Anna Mastroddi per Tagliacozzo, Claudio Mari per la Micron Fondation, Giovanni Del Turco per il Comitato Feste di Collelongo 2017 e gli operatori e le operatrici di ANFFAS che, nonostante la stanchezza dei preparativi, hanno voluto essere presenti per prendersi i dovuti meriti.

Il progetto DISAGRIA, partito nel 2017, ha trovato l’interesse della Micron Foundation che ha contribuito all’acquisto della prima serra professionale di 45 m2 posizionata a fianco della casa. Grazie al contributo è stato inoltre possibile avviare la coltivazione di 500 piante da fiori che ora dimorano nella serra in attesa delle giornate di sole di maggio.

La presenza di una superficie di circa 10.000 mq all’interno della struttura ci ha portato – afferma Domenica Di Salvatore – negli ultimi mesi del 2017, ad immaginare un percorso di agricoltura sociale finalizzato all’avvio di attività lavorative e ricreative del gruppo di ragazzi e ragazze che frequentano il nostro centro, e in particolare alla coltivazione di piante da orto, frutti di bosco, fiori ed erbe officinali. Così è nato Disagria, il progetto di agricoltura sociale promosso da ANFFAS Onlus e che ha trovato in Micron Foundation il suo primo patrocinatore.

Ma il progetto è estremamente ambizioso. A gennaio 2018 l’ANFFAS trova un ulteriore sostenitore: Fondazione Terzo Pilastro Italia Mediterraneo. Grazie alla Fondazione sarà possibile nei prossimi mesi acquistare un ulteriore serra, dotarsi di strumentazioni adeguate per la coltivazione e la lavorazione dei prodotti, coinvolgere per tutto il periodo primaverile ed estivo i ragazzi dell’Istituto Arrigo Serpieri di Avezzano affinché supportino i ragazzi della casa Famiglia nelle attività tipiche agricole come trapianti, invasi, riproduzione, semina, taglio, essiccazione.

Come è evidente l’iniziativa intende proiettarsi più avanti della semplice terapia attraverso la coltivazione delle piante. Obiettivo basilare: promuovere forme di impresa agricola tra le persone ospiti del centro per stimolare l’inclusione sociale e le pari opportunità.




Lascia un commento