Disagi Trenitalia, i pendolari di Celano, Cerchio e Collarmele scrivono al sindaco Santilli



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Celano. Pendolari marsicani che non hanno pace. Prima la soppressione della fermata di Celano sulla linea ferroviaria di Trenitalia, ora a Celano, è stato anche cancellato il servizio del bus sostitutivo, appaltato alla ditta Contestabile.

E così, ieri, i pendolari di Celano, Cerchio e Collarmele hanno scritto una lettera al sindaco di Celano, Settimio Santilli, in cui chiedono di intervenire, magari con il coinvolgimento di altri sindaci marsicani, per far sì che la tratta ferroviaria che attraversa Celano e che di fatto potrebbe essere un’attrattiva anche per i turisti (oltre ad essere un servizio essenziale per chi lavora in altri paesi della Marsica) non sia destinata a scomparire.

Egregio Sig. Sindaco, La vogliamo informare degli ultimi episodi occorsi in questi giorni.

In data 03 aprile 2017 il servizio di bus sostitutivo, svolto dalla ditta Contestabile, su incarico/appalto di Trenitalia, si è regolarmente svolto; solo in data 04 aprile qualche pendolare si è accorto dell’affissione, all’interno della stazione FFSS di Celano-Ovindoli, di un cartello, allegato, con cui Trenitalia informava che dal 3 aprile tale servizio veniva cancellato.

Alle ore 06.35 circa il bus arrivava regolarmente e venivano chieste spiegazioni all’autista, il quale riferiva di non saperne nulla e che avrebbe informato della cosa il suo datore di lavoro, scattando una foto al cartello. Dal pomeriggio dello stesso 4 aprile, il servizio  bus è stato effettivamente cancellato, creando così ulteriori disagi a noi pendolari, già gravemente danneggiati dalla soppressione della fermata a Celano del  treno regionale veloce. Ma se noi pendolari non avessimo chiesto spiegazioni all’autista del bus, il servizio ancora si svolgerebbe? Perché, per quanto ci risulta, non è stata Trenitalia ad informare la ditta Contestabile, ma noi stessi.

Inoltre oggi 5 aprile si è verificata un’ulteriore beffa. Il treno regionale veloce Pescara – Roma è giunto ad Avezzano alle ore 07,06, ripartendo regolarmente alle ore 07,12. 6 (SEI) minuti di sosta!!! Però la fermata a Celano è stata cancellata per risparmiare 3 minuti!!!

Tutte queste soppressioni e modifiche stanno ottenendo un solo risultato: i pendolari che usufruiscono di questa tratta ferroviaria stanno diminuendo ogni giorno. Sono sempre di più le persone che, provenienti da paesi anche più lontani, si portano ad Avezzano con la propria auto per salire direttamente sul regionale veloce, gravando così sul proprio bilancio familiare, aggiungendo all’abbonamento ferroviario (non a buon mercato) le spese per la propria auto.

Si vuole far morire questa tratta???

Le chiediamo di intervenire, per quanto di Sua competenza, magari coinvolgendo anche qualche altro Sindaco dei comuni interessati.

Si ringrazia anticipatamente.

Distinti saluti.

Pendolari Marsica Celano – Cerchio – Collarmele



Lascia un commento