Digital Compass 2030, domani al Castello Orsini di Avezzano seminario Fim Cisl Abruzzo-Molise sui semiconduttori



Avezzano – Digital Compass 2030. Una strategia europea per i semiconduttori: opportunità di crescita industriale e occupazionale? Questo il titolo del seminario organizzato dalla Fim Cisl Abruzzo-Molise venerdì 25 marzo, alle ore 10, ad Avezzano (Aq) presso il Castello Orsini

I lavori saranno introdotti dal Segretario nazionale della Fim Cisl responsabile del settore della microelettronica e semiconduttori Massimiliano Nobis e da un intervento di scenario del prof. Andrea Lacaita del Politecnico di Milano a cui seguirà una tavola rotonda con il senatore del Pd Antonio Misiani, Stefano Piccone head of finance & Legal di LFoundy, azienda di semiconduttori che ormai da oltre 30 anni è presente nella Marsica con un grande impianto industriale che occupa circa 1400 dipendenti, Daniele D’Amario assessore alle attività produttive della Regione Abruzzo, Silvio Paolucci capogruppo Pd Regione Abruzzo, Pietro Buzzelli preside dell’ITIS E. Majorana di Avezzano, Paolo Organtini Princeton University, responsabile collaborazione scientifica DarkSide-20K Presso l’INFN del Gran Sasso, e Roberto Benaglia Segretario generale Fim Cisl.

Secondo Massimiliano Nobis, segretario nazionale Fim Cisl, “l’incontro è stato fortemente voluto dalla Fim Cisl Abruzzo-Molise e nazionale per aprire una discussione costruttiva sul territorio e a livello nazionale sull’importanza di sostenere un settore industriale sempre più strategico come quello dei semiconduttori. Abbiamo deciso di partire dalla Marsica perché in questo territorio esiste da decenni un importante insediamento industriale di semiconduttori, una risorsa e un volano di crescita industriale, ma non solo, da sostenere attraverso investimenti, sinergie e infrastrutture. Le opportunità che si sono aperte attraverso il “Chip Act” (piano della Commissione europea per finanziare l’industria dei semiconduttori) devono essere assolutamente colte per dare sviluppo e prospettive al Paese, soprattutto in territori come la Marsica, dove da anni esiste un’industria tecnologicamente avanzata come LFoundry”.

Comunicato stampa FIM-CISL Abruzzo e Molise


Leggi anche