Di Pangrazio, il processo per peculato si farà all’Aquila



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – E’ stata rigettata l’eccezione di incompatibilità territoriale sollevata dal collegio difensivo ed è stata fissata la prossima udienza al 15 settembre. E’ iniziato a tutti gli effetti il processo a carico del sindaco di Avezzano Gianni Di Pangrazio, accusato di peculato per l’utilizzo indebito dell’auto blu della Provincia, di cui è dirigente.

Nell’udienza preliminare il giudice si riservò sull’eccezione sollevata dagli avvocati della difesa, i quali chiesero di spostare il processo ad Avezzano, considerato che i reati contestati dall’accusa eventualmente sarebbero stati posti in essere nella Marsica e non nell’Aquilano. Il giudice si riservò per ulteriori approfondimenti ma nell’udienza di questa mattina al tribunale dell’Aquila, davanti al collegio presieduto dal giudice Grieco, è stata di nuovo risollevata l’eccezione e i giudici si sono espressi con il rigetto.  La prossima udienza è stata fissata a settembre, quando saranno ascoltati otto testimoni, citati dal pubblico ministero. I fatti contestati al sindaco di Avezzano e ad altre quattro persone si riferiscono al 2014.

Al centro della bufera giudiziaria c’erano tre auto di proprietà della Provincia, secondo l’accusa, utilizzate impropriamente. Furono indagati: Maria Pia Zazzara di Pescina, Mario Scimia dell’Aquila e la dirigente Paola Contestabile di Celano con l’accusa di peculato e peculato d’uso e Anna Maceroni, di Avezzano, ora in servizio alla Procura di Avezzano, con l’accusa di falsa testimonianza. L’ex autista di Di Pangrazio, Ercole Bianchini, ha già chiesto e ottenuto il patteggiamento.

Secondo l’accusa, come accertato dalla polizia giudiziaria che ha svolto le indagini, gli autisti avrebbero utilizzato le auto blu per faccende personali, anche il fine settimana. Sei i viaggi contestati, di cui uno ad Ischia. Le accuse sono di truffa, peculato, falso e abuso di ufficio. Il collegio difensivo è composto dagli avvocati Antonio Milo, Claudio Verini, Domenicantonio Angeloni e Stefano Guanciale.




Lascia un commento