Di Natale replica a Curitti ”voi pagavate lo staff del sindaco, io faccio i murales che finiscono sul Tg1.”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Aielli –  “La critica  del consigliere di minoranza Curitti è tendenziosa, infondata e fuori luogo.
Rimarco un dato oggettivo: sarebbe il primo aiellese a non provare orgoglio per ciò che di straordinario è avvenuto nel nostro Borgo.
Il murale di Fontamara, encomiato da tutti a livello nazionale, é testimonianza di allocazione perfetta delle risorse e spinta propulsiva allo sviluppo turistico di Aielli.
Se non fosse mossa da evidenti pretesti personali, anche l’opposizione -latitante in tutti i consigli comunali, poiché timorosa di un confronto diretto- approverebbe soddisfatta.
Per ciò che concerne il resto mi preme evidenziare un paio di questioni: l’abbandono , di cui Curitti parla, è presente solo nella loro veste di Consiglieri di Minoranza, da anni disertano ogni consiglio comunale.

Ogni zona del nostro paese viene decorosamente pulita e manutenuta.
L’abbandono era quello che stava aggredendo il paese quando loro ne erano amministratori, degrado che colpiva diverse aree che noi, in tre anni, abbiamo tornato a far rivivere (vedi il parco giochi, l’area verde largo Alafrano inaugurata ieri, il fontanile ‘sciacquaturo’ , l’ex scuola materna e la sala parrocchiale, posti strappati dal degrado che la precedente amministrazione ci aveva lasciato in eredità).
Per ciò che riguarda la zona fucense è evidente il contrario, infatti il territorio è costantemente oggetto di interventi manutentivi,da ultimo per il taglio delle piante abbiamo da poco stipulato una convenzione con il Consorzio di Bonifica che provvederà a ripulire le strade di loro competenza.
Per gli importi sulla cooperativa consiglio a curitti di essere più presente e di studiare meglio le carte. 200.000 € è quello che spendevano loro, per fare clientelismo inutile. Noi ci attestiamo a meno della metà, con risultati migliori”.


Lascia un commento