Detenzione, riabilitazione, legalità. Il Cpia entra nelle scuole superiori con il progetto “Carcere e scuola: ne vale la pena?”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. E’ stato presentato ufficialmente il progetto “Carcere e scuola: ne vale la pena?che intende far conoscere agli studenti degli Istituti Superiori di Avezzano la realtà del carcere per promuovere riflessioni critiche e maggiore consapevolezza nei ragazzi riguardo la detenzione, la riabilitazione, la legalità.

La presentazione, a cura della dirigente scolastica del Centro provinciale istruzione per adulti che ha organizzato l’iniziativa, Claudia Scipioni, si è tenuta nell’aula magna dell’istituto industriale, alla presenza della preside Anna Amanzi, dei docenti degli istituti di Avezzano che saranno coinvolti e di una rappresentanza di studenti.

“Le finalità del progetto sono fornire agli studenti strumenti di conoscenza critica per avviare la riflessione personale e collettiva sulle molteplici tematiche inerenti la reclusione e sviluppare un approccio progettuale per ridurre la “logica” dell’avventura, dell’imitazione e dell’improvvisazione”, ha spiegato la dirigente Scipioni che ha la sua sede operativa nella scuola di via Aldo Moro, all’interno del Majorana, “acquisire le capacità di critica e di autocritica per favorire una maggiore consapevolezza dei propri comportamenti e analizzare e superare pregiudizi per un maggiore senso di realtà”.

“Obiettivi del progetto”, hanno proseguito le responsabili del progetto, le docenti Marilena Emili  e Fabiola Piccirillo, “sono conoscere, riflettere e argomentare criticamente su tematiche come diritti e doveri, legalità, devianza, misure alternative alla pena, disagio minorile, sicurezza e le diverse figure professionali che operano in carcere”.

Gli obiettivi dell’iniziativa, che coinvolgerà una rappresentanza di studenti che poi riporterà la propria esperienza ai colleghi, sono: conoscere l’istituzione carceraria e le sue finalità; conoscere la struttura del carcere e riflettere sulle relative problematiche; conoscere la vita in carcere attraverso percorsi narrati da detenuti e promuovere la riflessione sui reati e sulle pene; riflettere sulla situazione del dopo carcere e le difficoltà derivanti dal reinserimento nella società; conoscere le proposte presenti sul territorio che un ex detenuto può realizzare nel dopo carcere e conoscere alcuni testi legislativi relativi alla carcerazione e le misure alternative alla detenzione.

Alla presentazione hanno partecipato anche Anna Angeletti, la direttrice della casa circondariale di Avezzano e il comandante degli agenti della polizia penitenziaria, Cristiano Laurenti.

La direttrice della casa circondariale di Avezzano che è a “custodia attenuata” nel suo intervento ha sottolineato come troppo spesso chi è detenuto in strutture penitenziarie è soggetto a vere e proprie gogne mediatiche a dispetto di quanto recita l’ordinamento italiano. E cioè che fin quando una persona non viene condannata da un tribunale si presume sempre che sia innocente.

Angeletti si è detta entusiasta dell’iniziativa che coinvolge i giovani e che mira a far crescere in loro una maggiore consapevolezza della legalità e della giustizia.




Lascia un commento