De Angelis replica alle dichiarazioni dell’amministrazione comunale su Piazza del Mercato



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Riportiamo di seguito la nota stampa di Gabriele De Angelis in replica al comunicato del comune di Avezzano: “Avezzano Piazza del Mercato, la vigilanza certifica le “pecche” del progetto”

Così nella nota stampa:

“È tipico che ‘l’operaio incapace incolpi lo strumento perché ritenuto difettoso’, ma la polemica sollevata da alcuni consiglieri di maggioranza circa le presunte problematiche tecniche riscontrate nel cantiere di piazza del mercato e’ stucchevole e strumentale per tre evidenti ragioni :

1) non sanno come ammettere che l’opera in ultimazione rappresenterà un’ innovazione preziosa per la città, come peraltro riconosciuto pubblicamente dall’attuale assessore ai Lavori Pubblici Emilio Cipollone;

2) il cantiere non presentava e non presenta criticità di sorta. Si è trattato di pochi e trascurabili aggiustamenti disposti d’ufficio dalla direzione tecnica in sede di esecuzione dei lavori, tutti già effettuati durante la mia amministrazione, come accade di consueto in tutti i cantieri (copertura compresa);

3) La prova provata della loro malafede è nella falsa dichiarazione inerente i platani, il cui taglio è stato eseguito dal commissario Passerotti su preciso obbligo di Legge in quanto malati .

L’unico vero motivo del ritardo accumulato dall’amministrazione in carica – prosegue De Angelis – è dovuto ai conflitti insorti in seno alla stessa maggioranza sull’opportunità di pavimentare e pedonalizzare la strada ( via del mercato ) frontestante le attività commerciali, alcune delle quali prese in gestione recentemente da consiglieri comunali e/o loro familiari e in prossima apertura.

Infine, per quanto riguarda i consigli rivoltimi dai due consiglieri richiamati nell’articolo cui si replica, li invito ad un confronto pubblico carte alla mano davanti a tv e giornali” ha concluso l’ex primo cittadino.