fbpx
lunedì, 1 , Marzo

Nasce la Ciclovia della Castagna

Sante Marie - La cicloturistica della castagna diventa un percorso ciclabile da esplorare a ogni stagione. L'amministrazione comunale di Sante Marie, dopo un lungo...

Prima pagina

Danilo Rea, Massimo Moriconi e Alfredo Golino: un trio straordinario per gli 80 anni di mina a Tagliacozzo Festival

Tagliacozzo – Luned’ 17 Agosto con doppio set alle 19.00 e alle 21.30, Tagliacozzo Festival continua la propria rubrica dedicate agli “Anniversari” con un concerto di grande forza evocative.

Il nuovo progetto di un formidabile trio che ha voluto dedicare e celebrare con un disco una delle più grandi artiste italiane di ogni tempo in occasione dei suoi 80 anni: MinaDanilo rea, Massimo Moriconi e Alfredo Golino con Mina hanno registrato di tutto: dalla ballad jazz al rock, dalla fusion all’acustico, dalle canzoni di autori italiani ed internazionali, al tango. Il nuovo progetto nasce dall’affiatamento di questi tre grandi jazzisti che hanno passato insieme a Mina tantissimi momenti suonando dalla canzone italiana allo standard americano

Il trio inventa oggi uno spettacolo con canzoni appassionanti e conosciutissime tra le quali brani come “non credere”, “e se domani” “io e te da soli” suonate in maniera inedita e diversa ogni sera.

Danilo Rea riesce ad attirare l’attenzione degli ascoltatori soprattutto grazie alla grande versatilità e all’apertura musicale. Dopo gli studi di pianoforte classico al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma e l’esperienza come musicista nel mondo del progressive rock, Danilo debutta nel mondo del jazz con il “Trio di Roma” nel 1975, raggiungendo la notorietà internazionale. Inoltre la sua musica è ricca di sorprendenti momenti di improvvisazione di grande lirismo che gli sono valsi l’accostamento al grande Keith Jarrett. Tuttavia, a differenza della star americana, Rea trae la propria ispirazione dalla tradizione musicale della sua terra di origine, dai classici e dal pop italiano, piuttosto che dal “Great American Songbook”. E quindi non sorprende che in Italia sia considerato come il grande poeta tra i musicisti di jazz e che sia diventato famoso suonando con molti cantautori e cantanti italiani e collaborando con alcuni tra i più grandi jazzisti statunitensi come Chet Baker, Lee Konitz, John Scofield, Joe Lovano. Nel 2006 è stato protagonista di un concerto indimenticabile al Guggenheim Museum di New York. Successivamente con “Concerto per Peggy”, in occasione del 60° anniversario della Collezione Peggy Guggenheim a Venezia, ha omaggiato la celebre collezionista con un recital pianistico che commemora e attraversa la musica classica americana della prima metà del secolo scorso. Recenti le esibizioni con il pianista Bruno Canino a Napoli in cui Rea ha improvvisato temi di musica classica e la performance con l’Orchestra Sinfonietta di Roma.

“Danilo Rea – dice Jacopo Sipari, direttore del Festival – rappresenta una autentica istituzione del nostro Festival, un ospite graditissimo che torna spesso con progetti sempre nuovi ed avvincenti. Quest’anno un progetto ricco di fascino ed emozioni: un omaggio a Mina per i suoi 80 anni, un omaggio alla voce italiana più bella di sempre, insieme a due colossi della musica come Massimo Moriconi e Alfredo Golino. L’ultima settimana del Festival si apre nel modo migliore”.

Ultim'ora