D’Alfonso a Tagliacozzo per la sicurezza delle scuole. La minoranza comunale lamenta di non essere stata invitata



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo. Visita a Tagliacozzo per il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso. Oggi pomeriggio il governatore è stato accompagnato dal consigliere Lorenzo Berardinetti, organizzatore dell’evento e dal sindaco Vincenzo Giovagnorio a fare un sopralluogo negli edifici scolastici della città, che presentano diverse criticità e su cui necessario intervenire quanto prima per la sicurezza antisismica. LEGGI QUI: Sicurezza scuole. A Tagliacozzo bisogna fare in fretta

“La prima tappa della visita è stata al centro sportivo Luca Poggi, in località Sant’Onofrio”, racconta l’assessore all’Ambiente Roberto Giovagnorio, “l’amministrazione che si è insediata a giugno, ha presentato un progetto per ‘rifare il look’ da 1.600.000 euro, per renderlo una struttura dove poter praticare tutti gli sport, agonistici e non. La proposta è quella di usare lo stadio Leo Attili, lo stadio al centro della città, per il mini campus dove sorgeranno le nuove scuole, che saranno classe A, antisismiche e in legno, dotate di pannelli solari e di tutti i confort. L’idea è molto piaciuta al presidente perché una volta messe le mani su un complesso di questo tipo non è necessario più fare altri interventi importanti. Subito dopo c’è stata la visita all’Andrea Argoli, mentre c’era il consiglio dei docenti, dove i lavori di consolidamento statico, la cintura delle travi portanti, della Provincia, proseguono senza sosta. Subito dopo”, dice Giovagnorio, “c’è stata la visita a Villa Bella, complesso polivalente molto apprezzato e che potrebbe trovare una svolta significativa con un intervento mirato. Infine è stata presentata la sistemazione di Palazzo Ducale, per cui i soldi sono stati già inseriti nel Masterplan. Si tratta di 2,5 milioni di euro spendibili nel prossimo triennio di cui un milione nel 2017. La stazione appaltante è il Comune di Tagliacozzo”.

“D’Alfonso ha dato piena fiducia all’amministrazione come già detto in campagna elettorale”, va avanti l’assessore, “ma con la supervisione attenta della stessa presidenza affinché tutto fili liscio e tutto venga espletato nel migliore dei modi. Alla fine sono stati mostrati i selciati del centro storico, un’opera di riqualificazione per Tagliacozzo e le frazioni, intervento chiesto personalmente dall’assessore anche ai Lavori pubblici, Roberto Giovagnorio per poter ottemperare al primo punto programmatico della lista “Tagliacozzo futura” che oggi governa il Comune di Tagliacozzo.  D’Alfonso, per poter effettuare la visita programmatica a Tagliacozzo ha fatto slittare di due ore la riunione di giunta, in cui si sta discutendo del Masterplan”. Sulla visita di D’Alfonso a Tagliacozzo è intervenuta su Facebook Romana Rubeo, che ha chiamato in causa anche il consigliere ex sindaco Maurizio Di Marco Testa e l’altro consigliere, Vincenzo Montelisciani.

romana-rubeo

Anche la gestione della comunicazione dell’evento è stata messa in discussione da alcune testate locali. Raggiunto al telefono, Ermanno Natalini, collaboratore del consigliere regionale Berardinetti, alle domande “Perché sul posto erano presenti giornalisti di una testata di Tagliacozzo e di una tv locale e perché non erano state invitate tutte le testate del posto”, ha confermato che l’evento è stato organizzato da Berardinetti ma ha sottolineato che il consigliere non ha curato i rapporti con la stampa che non spettavano a lui. Natalini ci ha poi invitato a leggere il cronoprogramma giornaliero di D’Alfonso sul sito istituzionale della Regione per evitare che in futuro accadano di questi spiacevoli “inconvenienti”.




Lascia un commento