Crisi comunale, spazio alle richieste dei civici. Si tratta anche per ricollocare i “sacrificati”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Sembra ormai definirsi il nuovo scenario a palazzo di Città.
L’UDC sacrificherebbe l’assessore Rocco Di Micco, fuori con Felicia Mazzocchi per lasciare liberi due assessorati e accontentare i “malpancisti”.
Rocco Di Micco, ex presidente del Gal, andrebbe, secondo alcune indiscrezioni, a ricoprire il ruolo di vertice di un nuovo organismo, quell'”Urban Center” presentato, all’atto della costituzione, come “Luogo a disposizione di istituzioni, enti e cittadini per riflettere e confrontarsi sulle trasformazioni che investono la città…“, con il compito principale di “discutere, elaborare e proporre qualsiasi progetto di trasformazione della città. Progetti di restyling del centro storico, piani di mobilità urbana e isola pedonale, opere pubbliche di rilievo, progetti di qualità urbana, piano regolatore generale“. Un riposizionamento che potrebbe riguardare anche Felicia Mazzocchi.
Resta al suo posto l’inossidabile Chiara Colucci, assessore forzista. Nella seduta in commissione bilancio di ieri non è mancato il voto dei quattro “civici” che però, dopo che il sindaco De Angelis aveva liquidato senza troppe cerimonie il patto precedentemente stipulato, pretendono la ratifica dell’accordo con il varo della nuova Giunta. La deadline per l’Amministrazione De Angelis è al 21 maggio, termine ultimo per la presentazione in Consiglio – e approvazione – del bilancio.




Lascia un commento