Crab, la protesta dei ricercatori si sposta sul tetto | VIDEO



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa
Avezzano – Non si arrendono i 24 dipendenti del Crab, ormai da sei mesi senza stipendio. Questa mattina la loro protesta li ha portati a salire sul tetto dello stabile di via Pertini, dove con fischietti e striscioni hanno dimostrato il loro dissenso facendosi ‘notare’ in tutto il nucleo industriale.  

Sul posto anche polizia e carabinieri per assicurarsi che tutto andasse bene. Alessandra Baldassarre, dell’area amministrativa, Rocco Imparato, operaio specializzato e Pierangela De Berardis, ricercatrice, sono scesi dal tetto per spiegare le loro ragioni.
“Ci hanno abbandonati”, dicono, “scioperiamo da mesi e quanto meno ci aspettavamo la solidarietà di Agire e dell’Itqsa. Nessuno invece si fa sentire e ci appoggia. Continuiamo a lavorare ma senza essere pagati, il Crab è in liquidazione. Abbiamo anche fatto ricorso al Consiglio di Stato. La protesta andrà avanti ancora, andremo a Pescara e all’Aquila”.
 13180865_10154096595466702_962749064_n



Lascia un commento