Costringeva la figlia minorenne ad assistere ai rapporti sessuali con il compagno



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Costringeva la figlia (all’epoca minorenne) ad assistere ai rapporti sessuali con il compagno. La Corte d’Appello dell’Aquila, presieduta dal giudice Armanda Servino, ha confermato la condanna di due anni e due mesi di reclusione a carico di G.B.E., emessa in primo grado dal giudice del Tribunale di Avezzano, Anna Carla Mastelli. Come riportato dal quotidiano Il Messaggero, l’allora compagno della donna, L.A., verrà processato assieme alla ex compagna il prossimo 11 gennaio per aver richiesto, mediante l’uso del coltello, prestazioni sessuali alla minore che, grazie all’intervento di una sua amica, riuscì a sfuggire alle attenzioni dell’uomo.




Lascia un commento