Corto Festival ‘Lo Schioppo’: c’è anche un po’ di Marsica nel cortometraggio vincitore



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Le opere del Corto Festival Lo Schioppo hanno illuminato i sentieri della Riserva nella serata di ieri, in cui il regista italoargentino Guillermo Luna ha portato a casa la vittoria. La manifestazione cinematografica, è stata l’evento conclusivo della tradizionale rassegna culturale morinese Ambient’arti, e ha visto la partecipazione di diciassette registi provenienti da tutta Italia, Spagna e Russia per raccontare l’importanza dell’acqua e il cambiamento climatico attraverso storie ed immagini.

La giornata è stata anche spunto di discussione e apprendimento, grazie ad una tavola rotonda con istituzioni, ricercatori e grandi aziende del settore energetico, e ai workshop dedicati ai più piccoli. Ad aggiudicarsi il primo premio il corto “Ode all’acqua”, che ha visto Luna girare il mondo in lungo e largo per far tappa anche nel Fucino con il suo documentario sull’acqua e il rapporto con gli esseri umani. Il regista si è avvalso della preziosa collaborazione dell’associazione Contaminazioni di Luco dei Marsi, che sta promuovendo il cortometraggio in Abruzzo e in Italia per dare visibilità e importanza alla Piana del Fucino e al lavoro agricolo come tradizione marsicana.

Grande soddisfazione per Alex Lomoro e Giorgio D’Amico, ideatori della manifestazione “Proviamo orgoglio e grande soddisfazione per essere riusciti a divulgare attraverso il cinema un messaggio di rispetto dell’ambiente e speriamo che il festival diventi un appuntamento fisso e di importanza internazionale per gli addetti ai lavori e per gli appassionati”.




Lascia un commento