Corsi di difesa personale, Roberto Di Lorenzo e Gaetano Lanciotti ottengono i diplomi per l’insegnamento del combattimento urbano



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Sono Roberto Di Lorenzo e Gaetano Lanciotti coloro che hanno ottenuto l’abilitazione all’insegnamento di MDCM “Fight for safety”, un metodo di addestramento fondato da Dario Callarà per consentire a donne, uomini e bambini di difendersi e proteggere i propri cari da eventuali minacce ed aggressioni.
Infatti al giorno d’oggi è importante sapersi difendere e saper affrontare i pericoli che rischiamo di correre quotidianamente.
I diplomi per l’insegnamento di MDCM sono stati ottenuti al termine di un master svoltosi a Roma e tenuto da Dario Callarà, maestro di jetkdo, istruttore di krav maga e di apkido, nonché ex docente della polizia del Perù e della scuola di tiro della Polizia di Stato.
La MDCM consente di far fronte a situazione pericolose che possono verificarsi in strada, agendo sullo stress indotto, e si può riconoscere in pochi attimi il tipo di persona che si ha davanti attraverso il “criminal profiling”.
Una tipologia di allenamento che viene messa in pratica è quella della “killing house”, ovvero la camera buia, che consiste nell’uscire incolumi dopo 6 combattimenti, che vengono affrontati attraverso una serie di particolari allenamenti.
È possibile imparare tutto questo nella palestra “Koryu Dojo” del maestro Fernando Gemini, dove Roberto Di Lorenzo e Gaetano Lanciotti svolgono il ruolo di insegnanti della disciplina, particolare quanto utilissima, del combattimento urbano.

Corsi di difesa personale, Roberto Di Lorenzo e Gaetano Lanciotti ottengono i diplomi per l'insegnamento del combattimento urbano

Corsi di difesa personale, Roberto Di Lorenzo e Gaetano Lanciotti ottengono i diplomi per l'insegnamento del combattimento urbano

Corsi di difesa personale, Roberto Di Lorenzo e Gaetano Lanciotti ottengono i diplomi per l'insegnamento del combattimento urbano



Lascia un commento