Corse soppresse e autobus sovrappieni, i pendolari chiedono un incontro con il presidente di Tua



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Pescasseroli – Ancora disagi e disservizi per i pendolari Tua. Gli studenti di Pescasseroli scrivono al presidente della società di trasporti per chiedere un incontro urgente.

“Caro presidente – si legge nella missiva – siamo indignati dal modo in cui la vostra società ci sta trattando poiché ci sta facendo viaggiare nel disservizio più totale: corse soppresse, autobus non in linea con nessuna norma di sicurezza, autobus sovrappieni e non adatti alla tratta montana che collega le città vicine al nostro paese. 

Essendo già studenti provenienti da zone interne e disagiate, non possiamo più sopportare questa situazione. Paghiamo abbonamenti annuali con cifre elevate, ma nonostante questo, ogni giorno, viaggiamo su mezzi mal funzionanti, in piedi nonostante dobbiamo affrontare strade di montagna e tanti chilometri (circa 60).

Nonostante siano già state fatte lettere dall’Amministrazione Comunale e incontri con i vostri dipendenti presso il terminal di Avezzano, la situazione non cambia e siamo sempre più stressati e stanchi di questa situazione.

Siamo costretti a dover chiedere un incontro con lei al più presto altrimenti ci rivolgeremo a organi superiori competenti in materia e denunceremo ogni singolo disservizio. Siamo studenti e cittadini come tutti”.




Lascia un commento