Cordone di operai davanti allo stabilimento della Santa Croce. “Non vogliamo che vengano spostati i macchinari”



Canistro. E’ stato “costretto” a rientrare nello stabilimento e a lasciare il camion carico all’interno dei cancelli. Almeno fino a questa mattina, quando sarà fatta chiarezza su cosa sta uscendo dallo stabilimento di Canistro della Santa Croce, il marchio di proprietà dell’imprenditore molisano Camillo Colella.

E così, ieri sera, dopo aver visto l’ennesimo mezzo pesante uscire dallo stabilimento, gli operai hanno richiesto l’intervento dei carabinieri.

Sul posto è arrivata una pattuglia del nucleo radiomobile. In mattinata, davanti ai cancelli, sono tornati anche gli agenti del commissariato di Avezzano.

Tornano a farsi sentire gli operai di Canistro. Questa volta temono che dallo stabilimento escano i macchinari con cui in questi anni hanno lavorato. Una gran parte dei macchinari è stata acquistata con i fondi regionali. Si tratta di cifre molto elevate. Il timore è che vengano smontate le linee di produzione.

Ieri sera, di quanto stava accadendo è stato allertato anche il vice presidente della regione Giovanni Lolli.

In questi giorni, nelle ore serali, diversi camion hanno caricato all’interno dello stabilimento e poi si sono allontanati. Uno di questi mezzi è stato accompagnato anche dall’auto su cui c’era l’imprenditore e alcuni suoi collaboratori.

Colella ha dichiarato si tratta di materie prime. Gli operai hanno chiesto però l’accertamento da parte delle forze dell’ordine, sulla regolarità delle attività.




Leggi anche

Lascia un commento