Controlli alla stazione: pugni e calci ai poliziotti, denunciato un 42enne



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Dà in escandescenze quando gli agenti della Polfer lo richiamano all’ordine e inizia a tirare pugni e calci. Alla fine viene fermato e denunciato per oltraggio, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. E’ successo alla stazione ferroviaria di Avezzano, quando era appena arrivato il treno proveniente da Roma. Erano da poco passate le 14 e alla stazione c’erano numerose persone, tra cui anche dei turisti. Proprio in questi giorni, sono stati intensificati i controlli da parte della polizia ferroviaria e a presidiare i binari e le zone circostanze, per garantire la sicurezza dei passeggeri c’erano tre agenti.

Nei guai è finito D.S., 42enne di Avezzano, che i poliziotti conoscevano in quanto già in passato ha avuto problemi con la giustizia. Quando il 42enne si è avvicinato al treno, che era appena arrivato, ha iniziato a “infastidire” le persone che stavano scendendo. Gli agenti allora si sono avvicinati e gli hanno chiesto di allontanarsi dal binario. D.S. non ha accettato il “richiamo” e ha iniziato a inveire fino a dare di matto. Ha iniziato a colpire gli agenti con pugni e calci ed è stato necessario, così, allontanarlo con la forza. Per lui è scattata una denuncia.

Dopo i continui solleciti da parte dei cittadini, sulla scarsa sicurezza nel sottopasso che divide piazza Matteotti con piazzale Kennedy, la Polfer ha intensificato i controlli e ha iniziato a presidiare costantemente il tunnel e il resto dell’area. Qualche giorno fa, gli stessi agenti sono intervenuti all’ufficio postale, da dove è stato allontanato un uomo che ha alzato la voce, inveendo contro gli impiegati.




Lascia un commento