Consulta Territoriale, riunione ARAP alla presenza dell’Assessore Renata Silvagni



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano– L’illustrazione del nuovo Regolamento per la determinazione, ripartizione e riscossione dei corrispettivi dei servizi essenziali generali forniti dall’ARAP negli Agglomerati Industriali”, questo è stato l’argomento principale della riunione della Consulta Territoriale ARAP, che si è tenuta presso la sede ARAP dell’Aquila.

Lo rende noto l’assessore comunale alle Attività Produttive Renata Silvagni, che a margine di tale incontro riferisce: “il confronto con i rappresentanti di categoria degli imprenditori è stato molto proficuo, gli stessi hanno fatto presente che le imprese sono soggette a una doppia tassazione TASI, una verso il Comune e l’altra verso l’ARAP, sollecitando ARAP e Comuni a raggiungere un accordo tra loro affinché diminuisca il totale da pagare, eventualmente abbassando le aliquote dovute ai due Enti. In particolare – spiega l’assessore Silvagni – è stato richiesto al Direttore Generale dell’ARAP, Antonio Sutti, se le imprese potranno richiedere all’ARAP la rateizzazione del debito pregresso, non ancora versato.

È stato risposto che si potrebbero prevedere diversi tipi di rateizzazione a seconda dell’importo del debito pregresso. I partecipanti alla consulta hanno più volte ribadito al Direttore Generale ARAP che i costi dell’ARAP devono essere razionalizzati e che occorre rivederli al ribasso, perché per le imprese gli oneri da versare all’ARAP risultano troppo elevati. Un esempio di razionalizzazione – conclude l’assessore Silvagni – dovrebbe consistere nel fatto che, ad esempio, il piano neve lo deve elaborare un solo ente, o il Comune o l’ARAP, e non entrambi in modo non coordinato. Per quanto riguarda, infine, le varie problematiche relative a sfalcio, asfalto, illuminazione, etc., le imprese dovranno fare riferimento direttamente all’ARAP, che ha promesso che istituirà, a breve, un numero telefonico e creerà un sito internet dedicati, ai quali le aziende potranno inviare le loro segnalazioni”.




Lascia un commento