Consiglio di Stato: la Santa Croce non ha diritto alla proroga. Il sindaco Di Paolo “Ora basta!”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Canistro – Il Consiglio di Stato, con l’ordinanza n. 5252 del 17 ottobre, dice no alla pretesa avanzata dalla società Santa Croce nei riguardi della Regione Abruzzo, confermando quanto già stabilito dal Tar dell’Aquila lo scorso luglio, allorché era stata rigettata l’istanza per la gestione provvisoria della concessione mineraria della fonte Sant’Antonio-Sponga.

A diramare la notizia il Sindaco del Comune di Canistro, dott. Angelo Di Paolo, e l’Assessore competente Ugo Buffone, avvalendosi, anche in questa circostanza, del preliminare esame tecnico degli avvocati Salvatore Braghini e Renzo Lancia, che hanno relazionato in merito all’ordinanza firmata dalla V sezione del Consiglio di Stato resa nel contenzioso tra la Santa Croce, difesa dagli avv.ti Claudio e Matteo Di Tonno, e la Regione Abruzzo.

Il Sindaco ha seguito tutte le fasi della vicenda giudiziale che, pur non coinvolgendo direttamente il Comune, con tutta evidenza incide sulle prospettive della concessione, in un momento molto delicato della procedura di affidamento, in cui, due competitori, la San Benedetto spa e la stessa Santa Croce S.r.l., sono in attesa dell’esito della gara.  

Giuridicamente – spiegano i legali – il Consiglio di Stato, che ha anche condannato la società appellante alla refusione delle spese legali, ha ravvisato (in perfetta sintonia con il Tar dell’Aquila) che “la gestione temporanea della concessione mineraria nelle more della procedura di gara costituirebbe una deroga agli obblighi di evidenza pubblica”. Insomma, bene ha agito la Regione a non assecondare la richiesta, poiché affidare la gestione temporanea alla società ex concessionaria in questo momento contrasterebbe con i principi della trasparenza e dell’imparzialità.

Ma i Supremi Giudici amministrativi, questa volta, hanno aggiunto un’importante annotazione, evidenziando che “i pretesi tempi non determinabili di svolgimento della gara non possono essere addebitati alla Regione, in ragione del comportamento ostruzionistico della medesima società”. 

A tal proposito, il Sindaco commenta in modo molto netto le parole del Consiglio di Stato: “ora basta! il Comune attende da tre anni un nuovo concessionario, ma oggi scopriamo che, tra i molteplici motivi, non è stato possibile individuarlo anche a causa dei comportamenti della società Santa Croce, giudicati ‘ostruzionistici’ dallo stesso Consiglio di Stato, nonché, aggiungo, a causa delle attuali incertezze della Regione nel gestire i tempi della nuova gara. A pagarne le amare conseguenze è stata, ed è, l’economia di un intero comprensorio. La Regione, dopo questa autorevole pronuncia, proceda, senza ulteriori ritardi, e si giunga finalmente ad aggiudicare la gara voltando pagina una volta per tutte. Lavoratori e famiglie, senza più tutele sociali per sopravvivere, aspettano una risposta chiara che consenta loro di riappropriarsi della dignità e della speranza”.