Consiglio comunale sulla Sanità a Tagliacozzo, Montelisciani: “E’ stata ignorata la nota prefettizia”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo. Nonostante la nota Prefettizia del 24 febbraio (che chiedeva alla Presidente Mastroddi e al Sindaco di inserire il punto sulla sanità illegittimamente estromesso nel primo Consiglio Comunale utile), la convocazione diramata sabato 25 per il Consiglio Comunale del 1 marzo, incredibilmente, non vede ottemperate le stringenti indicazioni della Prefettura. Come a dire: della chiusura programmata del Punto di Primo Intervento non si deve discutere, costi quel che costi.

A parlare è il capogruppo dell’opposizione al Comune di Tagliacozzo, Vincenzo Montelisciani.

Continua: La tragedia diventa farsa, poi ancora tragedia. Rimaniamo sconcertati di fronte a quello che è un atto di irresponsabilità istituzionale gravissimo. Uno sgarbo, una sfida a perdere giocata sull’intera collettività, con conseguenze nefaste in termini di autorevolezza e credibilità della nostra Cittadina. Ci domandiamo il perché si sia arrivati a tutto ciò e da quale animo sia mosso il nostro primo cittadino. Perché non si può parlare di sanità pubblicamente e in modo trasparente nella massima istituzione comunale, che poi è il luogo deputato a farlo? C’è qualcosa che non si vuole far sapere, la giunta regionale da coprire? Il Sindaco teme di essere sbugiardato nel merito? Oppure ormai è un’impuntatura infantile, arrogante e nell’insieme grottesca? Ciascuno di noi può trarre le sue conclusioni. Ma da tutta questa storia una cosa risulta evidente a tutti: l’evidente, manifesta, clamorosa inadeguatezza di chi, ancora per quattro anni, dovrebbe amministrare in nome e per conto dei nostri concittadini.




Lascia un commento