Confesercenti interviene sulle desertificazione commerciale del centro città di Avezzano


Marsica – Anche la Confesercenti interviene sulle recenti chiusure di attività commerciali nel centro di Avezzano. Purtroppo sono anni ormai che lo scenario è sempre lo stesso: la crisi economica, le liberalizzazioni e il caro affitti stanno svuotando la città di negozi e botteghe.

La Confesercenti si è attivata più volte, confrontandosi con l’Amministrazione Comunale, al fine di cercare di invertire una tendenza negativa che ormai dura da troppo tempo e che sta portando ad una situazione disastrosa. Lunedì prossimo (27 febbraio alle Ore 16:00) l’Assessore Marianella, ha convocato le Associazioni proprio per parlare di Commercio: ovviamente saremo presenti, conferma il Presidente Domenico Venditti, ribadiremo quelle che sono le idee per rilanciare i centri urbani ed evitare, ove possibile la loro desertificazione ed insisteremo con l’Amministrazione Comunale per mettere in campo interventi decisivi e concreti.

Venditti tiene ad analizzare anche le conseguenze che si hanno a seguito di una chiusura di attività. Al danno quasi sempre segue la beffa! Difatti, “Lo Stato, continua Venditti, mette a disposizione “ammortizzatori sociali” solo ed esclusivamente per la persona fisica dipendente, ma nulla prevede per il piccolo e medio imprenditore, commerciante, artigiano che, trovandosi in difficoltà, o addirittura già in stato di insolvenza, è costretto a chiudere e a rimanere a casa”.

“Noi continueremo ribadisce il Presidente Venditti, a farci portavoce delle esigenza di chi apre un’attività e chiede aiuti e sicurezze, ma così anche di chi chiude un’attività, qualunque sia, e chiede altrettante sicurezze per il futuro. Ben venga e per fortuna che c’è (e c’è stata in questi lunghi anni di crisi) una forma di assistenza al lavoratore dipendente che ha perso il posto di lavo: Cassa Integrazione, Disoccupazione o NASPI come si chiama adesso, Mobilità, ecc. ecc. .

Ma perché un imprenditore non ha nessuna tutela? Se si esclude l’indennizzo per cessata attività, la cosiddetta rottamazione della licenza per i commercianti in crisi, vincolata pero ad un elevato limite d’ età, 57 anni per le donne e 62 per gli uomini, nulla è stato mai previsto per l’imprenditore che chiude un’attività. E questo purtroppo avviene sempre più spesso e riguarda persone ancora giovani.

Chiederemo ai responsabili Nazionali della Confesercenti di farsi carico di questa problematica, aprendo una vertenza con Governo e Parlamento. ”


Invito alla lettura

Ultim'ora

Colletta Alimentare: il Liceo Benedetto Croce di Avezzano c’è!

La Giornata Internazionale della Colletta Alimentare, promossa dalla Fondazione Banco Alimentare, giunge oggi alla sua ventiseiesima edizione. In diversi supermercati del comprensorio marsicano è possibile fare una spesa di alimenti ...


COACH il nuovo progetto di cooperazione Europea del l’Istituto Agrario Serpieri

Avezzano – L’Istituto Tecnico e Professionale Agrario “A. Serpieri” con i propri docenti é partner del progetto internazionale Erasmus+ “COACH” (2022-1-SE01-KA220-SCH-000089449) finanziato dal programma Erasmus+. ...

Celano, il maltempo non ferma la passeggiata solidale organizzata per dire no alla violenza sulle donne

Celano – Nemmeno il brutto tempo ha fermato la passeggiata solidale “Insieme contro la violenza sulle donne”, promossa ed organizzata per ribadire con forza il ...

Pronti i principali progetti della Strategia Nazionale Aree Interne Valle del Giovenco e Valle Roveto per i servizi  scolastici, socio-sanitari e di mobilità

“Siamo finalmente giunti nella fase di definitiva attivazione della Strategia per l’Area Interna “Valle del Giovenco – Valle Roveto”, per i progetti relativi ai servizi ...

Controlli della polizia stradale, ritirate quattro patenti di guida e 39 punti decurtati

Nella mattinata di ieri 25 novembre 2022, la Polizia di Stato ha effettuato dei servizi di controllo della velocità con dispositivo Telelaser, e l’obiettivo di contrastare ...



Lascia un commento