Confermati gli effetti negativi sulla biodiversità, durante il BioBlitz in corso nella Stazione LTER del Velino



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Pieno successo del BioBlitz in corso presso la Stazione di Ricerca Ecologica a Lungo Termine LTER del Velino, nell’ambito dell’iniziativa “Camminiamo la biodiversità. Sugli Appennini alla ricerca dell’ecologia”, promossa dai Carabinieri Forestali, con il patrocinio del Consiglio Nazionale delle Ricerche e del Comune di Magliano de’ Marsi, con l’adesione delle Associazioni ecologiste WWF Abruzzo Montano, Salviamo l’Orso ed Appennino Ecosistema ed il sostegno fondamentale del Gruppo Escursionisti Velino e della Compagnia dei Cammini.

L’iniziativa, che è al suo secondo giorno, si concluderà domani, domenica 22, quando dal Rifugio Capanna di Sevice (m 2100) i camminatori riscenderanno dal massiccio del Velino verso i Piani di Pezza (Rocca di Mezzo), percorrendo ulteriori 17 km con 1200 metri di dislivello in discesa e 400 metri in salita.

Il BioBlitz si svolge nella Stazione LTER del Velino-Duchessa, gestita dai Carabinieri Forestali e dall’Università di Roma Tre, sul versante occidentale del Monte di Sevice. Nelle prime sei ore di attività, dalle ore 8 alle ore 14, gli esperti ricercatori sono stati impegnati febbrilmente, con gli interpreti ambientali dei Carabinieri Forestali, famiglie, studenti e insegnati, alla scoperta della biodiversità dell’Appennino, identificando così ben 230 specie, delle quali 135 di piante, 60 di insetti, 32 di uccelli, 3 di mammiferi e rettili. Molti altri “blitz” stanno per partire e molti altri campioni sono in corso di determinazione da parte degli esperti: è prevedibile quindi che il numero totale salirà a oltre 400 specie. Considerato il tempo limitato a disposizione, la considerevole quota dell’area indagata (da 2100 a 2200 metri), la stagione estiva e le ridotte dimensioni del campione di specie rilevate, si può stimare che sia presente nell’area un numero totale di specie di piante o animali di grandi dimensioni, prossimo a 1000.

I dati rilevati oggi confermano ancora la preoccupante tendenza, accertata da venticinque anni, all’adattamento all’aridità delle comunità vegetali d’alta quota, nelle quali è in corso un processo di graduale degenerazione, con forte diminuzione delle rare specie adattate ai climi più freddi e l’invasione di quelle più termofile. Si è di nuovo avuta la conferma che sta proseguendo inarrestabile da ormai dieci anni l’espansione verso l’alto del banale trifoglio pratense (Trifolium pratense ssp. semipurpureum, foto) a danno del più raro trifoglio di montagna (Trifolium thalii, foto, chiamato localmente “la roscia” per il suo bel colore vermiglio).

Mentre quella di montagna è una specie mesofila che vive solo oltre i 1500 metri di quota, il trifoglio pratense è una specie stress-tollerante e ruderale che vive solitamente dal livello del mare fino al massimo a 1500 metri di quota. Gli effetti dei cambiamenti climatici sugli ecosistemi di montagna si fanno sempre più evidenti: la forte riduzione della durata del manto nevoso sta provocando un processo di graduale degenerazione e banalizzazione, con forte diminuzione delle rare specie adattate ai climi più freddi e l’invasione di quelle più termofile.

L’osservazione delle bellissime fioriture e degli uccelli di alta quota (tra i quali il fringuello alpino, Montifringilla nivalis, foto), come pure i giochi di educazione ambientale per i bambini, hanno attratto stamattina numerose persone, incuriosite poi anche dalla scoperta di piante, farfalle e grilli. E, dopo il tramonto, si terrà l’evento più atteso, la caccia ai misteriosi suoni dei pipistrelli, attraverso i bat detector in grado di trasformare gli ultrasuoni emessi dai chirotteri in suoni udibili dall’uomo.

BioBlitz è, contemporaneamente, un’azione di ricerca scientifica e di educazione ambientale. Il Primo BioBlitz si è svolto nel 1996 negli USA, sulla base di un’idea geniale dello U.S. National Park Service e del grande ecologo americano E. O. Wilson. In Italia sono state organizzate numerose edizioni di questo evento, a partire dal 2012, dal Comitato Nazionale Italia BioBlitz, costituito da esperti delle Università di Roma1/2/3, del Molise e della Tuscia. Il Comitato fornisce il patrocinio e il supporto organizzativo anche a questo evento, organizzato quest’anno dall’Arma dei Carabinieri.

BioBlitz è una grande esperienza all’aria aperta, un evento durante il quale ecologi e pubblico stanno lavorando insieme per censire in modo rapido e approfondito tutte le forme di vita nello spazio naturale prescelto. Nella giornata di oggi quindi, si sta svolgendo una vera e propria gara per trovare e identificare il maggior numero possibile di specie. Ogni organismo vivente trovato è stato registrato e inserito in una banca dati che contribuirà a tenere sotto controllo lo stato della biosfera.

________________________________________________________________________

Per informazioni:

REPARTO CARABINIERI BIODIVERSITA’ DI CASTEL DI SANGRO

tel. 0864 845938 – cammino.biodiversita@gmail.com




Lascia un commento