Confagricoltura Abruzzo: “Fa più danni questa politica inconcludente che la fauna selvatica”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Abruzzo – “Ancora danni alle colture, nessuna risposta alle richieste del mondo agricolo, con istituzioni regionali del tutto assenti”. E’ quanto afferma Concezio Gasbarro, Presidente di Confagricoltura Abruzzo. “L’unico plauso, in questo frangente, va al Presidente della Provincia dell’Aquila, alla Polizia Provinciale ed ai i tecnici dell’Ufficio faunistico che hanno predisposto il piano di controllo emergenziale che oggi è stato sottoposto al parere dall’ISPRA.

Confagricoltura Abruzzo considera paradossale il fatto che questo piano, venuto alla luce con tanta difficoltà, non potrà essere attuato se la regione Abruzzo continua a non decidere quale fine debba fare la Polizia Provinciale ed i suoi dipendenti che tra giorni potrebbero dismettere la divisa ed occuparsi di altro. Come sempre accade quando ci sono problemi seri che riguardano gli agricoltori la politica è abituata a disinteressarsi delle questioni spinose perché non ha adeguatezza nel risolverle.

Confagricoltura informa che già dalla metà di marzo è stato sollecitato il governo regionale ad intervenire ricordando che in carenza delle funzioni svolte dalle polizie provinciali sarebbe venuta meno l’attuazione dei regolari piani di controllo e prevenzione dei danni alle colture agrarie. In risposta solo annunci e rassicurazioni ma la concretezza degli atti ancora oggi non trova alcun riscontro tangibile nonostante le emergenze incalzino”.(C.S)




Lascia un commento