Comuni montani e aree protette, 1,5 mln di euro dalla Regione. Imprudente e Liris: “concreto segnale di attenzione in un momento di difficoltà”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

AbruzzoDiecimila euro per ogni comune montano ricompreso all’interno di Parchi nazionali o regionali; 360 mila euro da ripartire tra riserve regionali, Parco regionale Sirente Velino e Aree marina protetta Torre del Cerrano. È il contenuto di un provvedimento formalizzato attraverso una delibera di giunta che ha lo scopo di sostenere le attività di sicurezza e prevenzione nell’ambito dell’emergenza coronavirus. Lo annunciano il vicepresidente della giunta regionale con delega ai Parchi Emanuele Imprudente e l’assessore regionale alle Aree interne Guido Liris.

Complessivamente viene ripartita una cifra di 1,5 milioni stanziata con la legge “Cura Abruzzo 2”: 1,14 milioni ai comuni montani che si trovano nei territori dei Parchi nazionali o regionali; i restanti 360 mila per garantire un contributo minimo a tutte le riserve regionali, 100 mila euro al Parco regionale Sirente Velino e 10 mila all’Area marina protetta Torre del Cerrano.

Il provvedimento di giunta definisce la ripartizione delle risorse e stabilisce l’assegnazione in base a un avviso pubblico con cui fissare le spese ammissibili, volte a garantire la sicurezza e la prevenzione dal coronavirus nelle aree montane, e le modalità di presentazione delle domande e dell’erogazione.

Siamo molto orgogliosi – dicono Imprudente e Lirische la giunta regionale abbia recepito l’indicazione per questo ulteriore sostegno alle aree interne montane e alla rete delle riserve naturali. Si tratta di un segnale di grande attenzione in un momento di estrema difficoltà, in cui il coronavirus ha finito per acuire i disagi e la marginalità di queste zone fondamentali per lo sviluppo economico dell’Abruzzo intero.

Questo esecutivo si conferma attentissimo alle problematiche della montagna, dei borghi, dei parchi e delle riserve naturali. Siamo convinti che sia un comparto decisivo che merita ogni tipo di attenzione, nella contingenza per i sostegni necessari a fronteggiare la pandemia e con la programmazione strategica futura, già delineata e in fase di attuazione, per l’ulteriore valorizzazione e potenziamento. Queste aree non sono una zavorra, ma una concreta possibilità di crescita per l’Abruzzo intero”.