Commerciante aggredito: trovate tracce di sangue nella lavanderia



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo  – Sono stati eseguiti i rilievi nella lavanderia di Alessandro Marcelli, il commerciante 41enne di Tagliacozzo aggredito da tre uomini, ormai una settimana fa. Il reparto investigativo dell’Arma ha eseguito un sopralluogo nel negozio che si trova vicino il passaggio a livello della città dell’Obelisco a caccia di indizi e prove per risolvere il caso dell’aggressione subita da Marcelli, che pare sempre di più tingersi di giallo.

Il commerciante, molto vicino alla lista del Movimento 5 stelle di Tagliacozzo e molto conosciuto anche perché fa parte di un nutrito gruppo di motociclisti marsicani, domenica scorsa ha presentato una denuncia ai carabinieri in cui ha raccontato che tre uomini lo avevano aggredito nel suo negozio. I fatti però si riferivano al mercoledì precedente.

Marcelli, per le ferite riportate è stato curato prima al pronto soccorso di Tagliacozzo e poi all’ospedale di Avezzano, dove è stato sottoposto a una visita oculistica specialistica. E’ stato poi dimesso con una prognosi di una settimana. Ai militari della locale stazione, il 41enne ha dichiarato di non avere idea di chi possa essere stato a compiere quella che sembra più una spedizione punitiva che altro, considerato che i tre aggressori sono andati via dal negozio a mani vuote. Per questo l’ipotesi della rapina non sembrerebbe reggere. I balordi, sempre secondo quanto riferito agli inquirenti dal commerciante, erano in tre e avevano il volto coperto dalle magliette, salite fino alla bocca.

I rilievi della scientifica sembrano aver evidenziato delle presenze di tracce di sangue all’interno del negozio, che a questo punto, potrebbero agevolare il lavoro degli investigatori. Intanto a breve, Marcelli, potrebbe essere ascoltato di nuovo dagli inquirenti a caccia di elementi utili per risolvere “il giallo”. Anche se i carabinieri mantengono il massimo riserbo sulle indagini, sembrerebbe sempre più lontana l’ipotesi dell’aggressione legata alla sua attività politica, legata alla lista dei 5 stelle. Sembra che i carabinieri stiano ascoltando anche le testimonianze di amici e conoscenti del commerciante per capire se in passato possa aver avuto screzi con qualcuno.




Lascia un commento