Commercializzazione di sacchetti di plastica non a norma. Scattano i controlli dei carabinieri forestali



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Marsica. Si rischiano sanzioni fino a 5.000 euro. E sono già decine i verbali di contestazione di illecito amministrativo redatti dai carabinieri forestali del territorio.

È in corso nella Marsica, e in tutta la Regione, un’operazione dei carabinieri forestali, mirata al controllo della commercializzazione dei sacchetti di plastica per l’asporto delle merci, i cosiddetti shoppers. Tutte le stazioni del territorio, in questi giorni, stanno “setacciando” le attività commerciali come centri e parchi commerciali, negozi della piccola distribuzione, discount e supermercati, per verificare se i proprietari si sono messi in regola, fornendo ai clienti le “buste per la spesa” biodegradabili e compostabili.

Troppo spesso, infatti, il cliente, affidandosi con buona fede al commerciante, che alla fine della spesa dà un sacchetto che a prima vista potrebbe sembrare a norma, finisce con riportarsi a casa una busta che invece non è biodegradabile. Proprio quelle buste finiscono a volte nei centini dove si raccoglie l’umido, venendo poi raccolte dalle società che si occupano di raccolta dei rifiuti all’interno dell’organico, andando a compromettere la qualità della raccolta.

È proprio questo il processo che i militari dell’Arma del nucleo Forestale mirano a contrastare con un’operazione capillare sul territorio. Un fenomeno che inevitabilmente oltre a compromettere la qualità del prodotto compost comporta anche perdite in termini economici.

È dal 21 agosto del 2014 che sono in vigore le sanzioni per la commercializzazione dei sacchetti di plastica monouso per l’asporto di merci non biodegradabili e compostabili, anche se ceduti a titolo gratuito. Secondo la legge va sanzionato anche chi offre gratuitamente al cliente il sacchetto che non è in regola.

I “sacchetti usa e getta”, dunque, devono essere compostabili per garantire la riduzione dell’impatto ambientale e la possibilità di essere poi impiegati per la raccolta differenziata dei rifiuti organici domestici.

Commercializzazione di sacchetti di plastica non a norma. Scattano i controlli dei carabinieri forestali

Commercializzazione di sacchetti di plastica non a norma. Scattano i controlli dei carabinieri forestali




Lascia un commento