Come alimentare i cuccioli di cane: 5 cose da sapere per non commettere errori

I cuccioli di cane hanno bisogno, dopo lo svezzamento, di seguire un’alimentazione che sia adeguata alla loro età ed è quindi un errore considerarli al pari degli esemplari adulti. Al di là delle dosi che naturalmente devono essere più ridotte, anche gli stessi elementi nutrizionali devono essere calibrati sulla base della loro età. Quando sono ancora cuccioli infatti, i cani hanno bisogno di alimenti che permettano loro di crescere in modo sano e al tempo stesso rafforzare il sistema immunitario e la muscolatura che non sono ancora del tutto sviluppati. Bisogna quindi prestare una particolare attenzione a quello che si dà da mangiare ai cuccioli, perché spesso e volentieri si rischiano errori potenzialmente molto dannosi per la loro salute.

Vediamo 5 cose che conviene sempre sapere per alimentare il proprio cane quando è ancora cucciolo nel modo corretto.

  • 1) Mangimi per cuccioli: da preferire alla dieta casalinga

In molti sono convinti che il cibo per cani non sia adeguato per un’alimentazione corretta e quindi ricorrono alle diete casalinghe. Questo è un grandissimo errore, perché con il fai da te rischiamo di compromettere la salute del nostro amico a 4 zampe, non fornendogli un apporto calibrato dei vari nutrienti. In commercio esistono dei mangimi specifici per cani cuccioli come la linea Acana Puppy che sono di altissima qualità e che forniscono al nostro pet tutte le proprietà nutrizionali di cui ha bisogno. Conviene di gran lunga scegliere questi prodotti, evitando naturalmente quelli più economici e scadenti, perché garantiscono al nostro cane un’alimentazione equilibrata e completa. Se al contrario ci affidiamo al fai da te, dobbiamo farlo in modo consapevole misurando le varie proporzioni degli ingredienti e prestando davvero molta attenzione.

  • 2) Le dosi: attenzione ai meticci

Per quanto riguarda le dosi, in generale i cuccioli devono fare dai 3 ai 4 pasti giornalieri a seconda della loro taglia futura. Se gli diamo delle crocchette o del mangime umido appositamente pensato per la loro età non abbiamo grandi problemi perché ci basta seguire il quantitativo totale giornaliero indicato a suddividerlo in 3-4 porzioni nell’arco della giornata. Attenzione però ai meticci: se non conoscete la taglia dei genitori e non sapete come diventeranno da adulti vi conviene chiedere consiglio al veterinario. Potrebbero infatti avere bisogno di dosaggi differenti.

  • 3) Cambiare dieta in modo graduale

Se adottiamo un cucciolo, dobbiamo sempre prestare attenzione alla dieta che seguiva prima di arrivare da noi. Cambi troppo drastici nell’alimentazione potrebbero infatti creare problemi quindi conviene sempre introdurre il nuovo cibo in modo graduale. Lo possiamo somministrare a piccole dosi la prima settimana, in modo che il cane si abitui e non soffra di disturbi gastrici.

  • 4) Riposare dopo ogni pasto

Specialmente quando sono ancora cuccioli, i nostri amici a 4 zampe hanno bisogno di riposare dopo ogni pasto ed è quindi un errore coinvolgerli in giochi, farli saltare o correre. Potrebbero infatti così facendo andare incontro ad alcune problematiche anche gravi come la torsione gastrica. È quindi meglio lasciarli in pace e farli riposare fino a quando non hanno digerito il pasto.