Comando della polizia locale a Palazzo Torlonia, i cittadini: “Questo trasferimento non s’ha da fare!”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Il dissenso generale prolifica in ogni ambiente, culturale e privato. Non è stata proprio accettata, dai cittadini, la decisione arbitraria del trasferimento, comunicata dall’Amministrazione Comunale, del Comando della Polizia Municipale dall’ex OMNI all’interno di Palazzo Torlonia entro il 28 febbraio.

Dalla privazione di una struttura polifunzionale già avviata ad abbracciare la cultura in ogni aspetto, si è considerato l’abbandono totale dell’aria nord. La pineta, a conoscenza di ognuno, nella fascia serale/notturna, diventa luogo di spaccio e di prostituzione. La presenza dell’immobile, di proprietà del Comune, con l’enorme insegna Polizia Locale  funge anche da deterrente.

Certo è, che la necessità del servizio di sicurezza fornita dalla Polizia Municipale,  ha maggiore richiesta in una zona delicata e a rischio,  anziché all’interno di una struttura dove l’area non ha la medesima esigenza di controllo.

Il Mastrer Plan, valutato dal sotto segretario alla Presidenza della Giunta Regionale Mario Mazzocca e dal Presidente del Consiglio della Regione Abruzzo Giuseppe Di Pangrazio , con l’intervento del Governo Nazionale ha percepito un finanziamento di 4,7milioni di euro destinato alla riqualificazione di Villa Torlonia,  con annesso Parco, proprio alle attività ed iniziative culturali.

Il bando venne pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale l’8 maggio 2017.  Nel progetto  anche la destinazione d’uso degli ex granai a biblioteca e spazi espositivi, per non parlare della realizzazione della pinacoteca, per la conservazione e l’esposizione del patrimonio iconografico del Comune.  L’ubicazione del Centro Studi Marsicano, la sede della Riserva del Salviano, il palazzo dello studente e tante tante altre iniziative culturali atte ad arricchire un territorio che è sotto l’ala del silenzio.

In merito all’argomento il  Presidente del Consiglio della Regione Abruzzo Giuseppe Di Pangrazio ha rilasciato una dichiarazione alla nostra redazione. L’iniziativa dell’Urban Center, promossa giorni fa dall’Amministrazione Comunale, dovrebbe essere varata in anticipo per accogliere la disapprovazione generale dei propri cittadini. E’ “minacciata” una raccolta di firme per avvallare ciò che la Città dice a gran voce: Questo trasferimento non s’ha da fare!

La cultura è soprattutto una unità di stile che si manifesta in tutte le attività di una nazione. (Friedrich Nietzsche).

Video a cura di Manuel Conti




Lascia un commento