Coltiviamo il bene comune con Adelmo Di Salvatore

Avezzano – Lunedì 10 giugno 2019 dalle ore 16:00 alle ore 19:00 presso il Castello Orsini di Avezzano ci sarà un evento artistico di sensibilizzazione il cui tema principale è: coltivare il bene comune.

Il coordinamento scientifico sarà affidato al dott. Adelmo Di Salvatore. Interverranno personaggi del mondo politico, culturale e sociale.

La presentazione dell’evento e il saluto delle autorità sarà gestito dal dott. Gabriele De Angelis Sindaco di Avezzano, parteciperanno inoltre la dott.ssa Simonetta Santini, direttore generale f.f. ASL 1 Abruzzo e il dott. Natalino Farao presidente ARCAT Abruzzo.

Gli intermezzi musicali saranno interpretati da Luna Costantini.

Presente anche Marilda Parente.

La partecipazione è gratuita e aperta a chiunque intenda migliorare la qualità della propria vita, promuovere la salute operare per il bene comune.

A chiunque ne farà richiesta sarà rilasciato l’attestato di partecipazione.

Importante la tematica del bene comune perché vuol dire coltivare una visione lungimirante, investire sul futuro, preoccuparsi della comunità dei cittadini con la cura necessaria per sviluppare il sistema di valori che una cultura racchiude.

Il principale patrimonio culturale è conservare, tutelare e sviluppare.

L’ha capito certamente a fondo il dott. Adelmo Di Salvatore che con l’evento del 10 p.v. vuole consentire alle persone di coltivare se stesse prendendosi cura delle altre persone e dei beni comuni.

Perché da questo può dipendere la felicità pubblica e privata.

La felicità privata dipende dalla felicità pubblica.

Lo star bene della persona dipende dallo “stare bene” delle persone all’interno di una società.

E il benessere individuale non dipende esclusivamente da condizioni materiali.

Partendo da una concezione redistributiva ad una procedurale del principio di eguaglianza, diventa chiara la missione costituzionale dei pubblici poteri (art. 3 comma 2, COST.): promuovere le condizioni  perché i cittadini, soprattutto quelli di più giovane età, possano liberamente ed individualmente scegliere come coltivare la propria personalità, i propri talenti per contribuire al “progresso materiale e spirituale della società” (art. 4 comma 2, COST.).

Certamente è da non perdere l’appuntamento al Castello lunedì 10 giugno alle ore 16:00 per imparare a stare bene con se stessi e con gli altri.