Coltello thai: tra moda e praticità, un prodotto che fa tendenza



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Usare gli strumenti giusti in cucina è importante per ottenere degli ottimi risultati. Ma ci sono alcuni strumenti, come il coltello thai, che fino a qualche anno fa conoscevano solo gli addetti ai lavori. Oggi, complici anche i tantissimi programmi tv che stanno trasformando gli italiani in appassionati cuochi gourmet, c’è sicuramente una maggiore attenzione e una maggiore cura per tutto ciò che riguarda il mondo della cucina.

Così, grazie ai vari Cracco, Barbieri e Cannavacciulo, oggi sono tanti gli strumenti professionali, una volta prerogativa degli chef, che sono entrati di diritto nelle case degli italianai.

Per chi si appassiona di cucina non è una novità, quindi, che esistono tantissime tipologie di strumenti e anche di coltelli, di ogni forma, ampiezza, grandezza, taglio e smussatura. Ciascuno di essi ha uno scopo diverso e può servire per tagliare in un certo modo o per affettare alcuni prodotti al posto di altri. Usarli bene e con cognizione di causa è importante per chi cucina, sia per diletto che per professione. 

Come usare il coltello Thai

Il coltello thai consiste in uno stiletto di altissima precisione, un vero e proprio bisturi della cucina che viene utilizzato per tagliare frutta e verdura con precisione chirurgica. Questo prodotto è considerato il migliore per tagliare i vegetali e la frutta per la sua assoluta precisione. Non a caso è possibile acquistare il coltello thai anche sul famoso shop di delgattoforniture.

Come si usa il coltello thai? Bisogna avere la massima precisione. La lama infatti è perfettamente sottile, e non solo: è flessibile, a differenza di molte altre tipologie di stiletti che non sono invece in grado di piegarsi. Essendo flessibile, questa lama permette di piegarsi alla perfezione e quindi consente di creare delle forme che non si potrebbero mai realizzare per mezzo di una lama rigida come quelle classiche. 

Bisogna tenerlo con l’indice e il pollice sul manico, il dito medio sulla lama con la quale si spinge nella frutta e si dirige la posizione e l’andamento del taglio e della scultura. L’esperienza aiuta a tenere la giusta posizione e soprattutto a saper roteare alla perfezione la mano in modo da ottenere delle forme tonde, quadrate, o comunque come le si desidera. 

Il coltello thai è assolutamente appuntito, ma è anche leggermente flessibile per permettere al cuoco di eseguire dei tagli assolutamente perfetti e di accompagnare con la massima precisione il taglio e l’incisione. Non solo: il coltello thai è anche dotato di un punteruolo, che si trova nel manico, e che permette di agevolare l’incisione del disegno sulla verdura o sulla frutta. Può anche essere usato quindi per la cucina creativa, per la pasticceria, e in generale ovunque serva un coltello assolutamente preciso e per creare degli intagli perfetti fino al millimetro. Questo coltello misura in totale 18 cm di lunghezza e deve essere utilizzato ovviamente con la massima cura ed attenzione per produrre un risultato soddisfacente. Basta un po’ di pratica per riuscire ad usarlo al meglio.   

Il coltello thai è noto anche come stiletto tailandese perché tradizionalmente viene utilizzato nella cucina tailandese per la creazione di vere e proprie opere d’arte (riproduzione di fiori, forme, volti) su frutta e verdura e su altri prodotti. L’assoluta precisione del taglio, che agisce come un bisturi, permette di seguire millimetro per millimetro le forme ottenendo un risultato davvero degno dei migliori chef. 




Lascia un commento