Chiusa di notte la stazione di Avezzano, i barboni si spostano in pronto soccorso



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Per “l’allarme sicurezza” di notte chiude la stazione e i barboni si spostano in pronto soccorso. I medici e gli infermieri dell’ospedale di Avezzano si ritrovano ogni notte a fare i conti con la dura realtà dei senzatetto, ai quali, ormai, è stata preclusa anche la stazione ferroviaria.

Dopo gli ultimi episodi violenti che si sono verificati nei pressi di piazza Matteotti è stato scelto di mettere in sicurezza l’area, spesso teatro di risse, botte e accoltellamenti. Questo però ha comportato la “naturale” conseguenza di aver lasciato per strada chi alla stazione ci andava a dormire perché senza un tetto sopra la testa. Un fenomeno che non interessa solo Avezzano ma un po’ tutte le grandi città. E così, davanti alla disperazione dei barboni, alla fine di ogni turno notturno, medici e infermieri si ritrovano a pagare colazioni e a prestare servizi, come lavarli e altro. Spesso ci sono anche disordini, legati al fatto che tra queste persone ci sono anche sieropositivi e con disturbi psicologici.

L’altra notte ad esempio, davanti alle richieste sempre più insistenti di una persona che già in passato è stata sottoposta a trattamenti sanitari obbligatori, che però non sono durati più di una settimana, è stato necessario richiedere l’intervento dei carabinieri. La donna sputava contro il personale e inveiva un po’ contro tutti. Una situazione “limite” che spesso ha messo in condizione i sanitari di non poter adempiere al meglio alle emergenze, soprattutto quando sono in codice rosso.




Lascia un commento