Chiude il chioschetto della stazione di Avezzano, i legali del gestore: “Non vi erano le basi per continuare”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – In relazione alla chiusura del chioschetto della stazione di Avezzano, i difensori del gestore, gli avvocati Pasquale e Luca Motta, intendono fare chiarezza sull’intera vicenda, in modo tale da allontanare anche qualsiasi strumentalizzazione.

Alla base di questa chiusura – affermano – vi è stato un mero cessare del rapporto di locazione tra le parti, come ne accadono di continuo e in ogni dove. Si è deciso di non prolungarlo oltre un anno perché semplicemente non vi erano le basi per continuare, anche perché veniva aperto un ulteriore locale a poca distanza.

Il gestore, va assolutamente evidenziato, nel corso del tempo si è distinto per aver valorizzato l’intera zona, da tempo degradata, ponendo in essere, non solo a parole ma con i fatti, lavori di cura e manutenzione, totalmente a sue spese. Egli, inoltre, non ha mai tollerato azioni violente da parte degli avventori, anzi più volte è stato egli stesso vittima, unitamente alla sua compagna, nello svolgere il proprio lavoro, di aggressioni prontamente denunciate“.