Chimica, pittura e arte per un percorso di continuità tra l’IIS “Majorana” e l’I.C. “Mazzini-Fermi”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Gli studenti della classe 3C della scuola media “Mazzini-Fermi” di Avezzano, preparando dipinti con diversi tipi di supporti e colori, hanno sperimentato che non tutti i colori aderiscono allo stesso modo sui vari supporti. E’ nata quindi una collaborazione con gli studenti della classe 3H dell’indirizzo “Chimica e materiali” dell’I.I.S. “E.Majorana” di Avezzano che, mettendo a disposizione abilità e competenze acquisite nel loro percorso di studi, hanno aiutato i compagni più giovani a comprendere come le proprietà chimiche dei materiali influenzano tutti i fenomeni macroscopici e quindi anche il legame colore/supporto e il tipo di tecnica pittorica da utilizzare.

Il legame tra chimica e arte è infatti molto più profondo di quanto si possa immaginare, basta pensare ad esempio, a come il progresso della chimica dalla seconda metà del Settecento abbia favorito l’espressione creativa degli artisti che hanno iniziato ad avere a disposizione un’aumentata varietà di pigmenti nella loro tavolozza e le opere d’arte si sono arricchite di colori e sfumature.

Durante gli incontri, i ragazzi della specializzazione di Chimica del Majorana, coordinati dalle professoresse Francesca Montanari e Paola Pascale, hanno prima spiegato teoricamente i concetti fondamentali legati al tema “Chimica e arte” e poi hanno guidato gli studenti della scuola media nell’attività di laboratorio. In tal modo sono state potenziate le competenze acquisite con i programmi curriculari e i chimici hanno avuto la possibilità di misurarsi con attività di divulgazione scientifica sperimentando il ruolo di insegnante. Per gli studenti della scuola media, coordinati dai professori Roberto CappuccittiMargherita Salsiccia e Marinella Bertone, è stata un’occasione di approfondimento di concetti già conosciuti, di apprendimento mediante l’esperienza pratica svolta nel laboratorio di chimica del Majorana, dove hanno lavorato attivamente, di imparare a formulare ipotesi e a progettare azioni per verificarle, di stimolo delle capacità di osservazione e di collegamento tra ambiti disciplinari normalmente considerati separati.

Gli obiettivi sono stati quelli di creare un ponte di conoscenza e cooperazione tra le scuole del territorio, effettuare un percorso di continuità tra le scuole di diverso grado e stabilire relazioni, sviluppare atteggiamenti di collaborazione e rispetto, interagire con coetanei e adulti in maniera positiva.

Il risultato delle attività verrà presentato durante la Settimana della Scienza e della Tecnologia dagli studenti di entrambe le scuole.




Lascia un commento