Cerimonia di premiazione del concorso letterario “Cuori in volo” in ricordo della Prof.ssa Jolanda Gemini



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Si è tenuta nella mattinata di ieri, presso l’aula magna del Noesis, la premiazione della prima edizione del concorso letterario “Cuori in volo” istituito dalla Scuola Media Vivenza-Giovanni XXIII di Avezzano in ricordo della Prof.ssa Jolanda Gemini, scomparsa nel 2017 a causa di una malattia.

La professoressa era molto amata e stimata tra i colleghi e gli alunni, ma era anche molto conosciuta in città per avere fondato, insieme a sua sorella Ornella Gemini, l’Associazione Niki Aprile Gatti onlus.

Hanno partecipato alla cerimonia, oltre ai 160 alunni delle classi seconde, il Dirigente Scolastico Roberto Puliti, il primo collaboratore Irene Bracone, la Dirigente Scolastica Marina Novelli, le insegnanti Anna Magnante e Anna Quaglieri, la coordinatrice della cerimonia la prof.ssa Catia Di Battista, i colleghi e gli amici di Jolanda Gemini e i suoi familiari, il marito Lucio Palombo, le figlie Silvia e Sara e la sorella Ornella Gemini.

Il concorso ha avuto come tema una citazione di Alessandro D’Avenia “Solo chi legge e ascolta le storie trova la sua” e, per la speciale occasione, tutti i temi elaborati dagli studenti sono stati premiati dall’Associazione Niki Aprile Gatti onlus con l’omaggio di un attestato di partecipazione, di  un fiore simbolo dell’Associazione e di un buono sconto da spendere presso la Libreria Mondadori di Avezzano.

I vincitori del concorso sono Marianna Rosati (primo posto) della classe II G, Collacciani Silvia (secondo posto) della classe II B, Bove Sara (terzo posto) della classe II E ed Eleonora Oddi (menzione speciale) della classe II C.

Ad animare l’evento gli allievi del musicale con le loro esibizioni.

“Sono veramente molto felice di partecipare a questo evento” dichiara la prof.ssa Novelli “Jolanda Gemini per me è stata una persona molto speciale e il mio braccio destro per tantissimi anni. Lei amava molto il suo lavoro e si è dedicata anima e corpo ai suoi ragazzi, in particolare a chi aveva difficoltà. Per questo è stata molto amata dagli studenti e dai colleghi.

E’ intervenuta poi Ornella Geminimia sorella era una bravissima insegnante. Stava sempre dalla parte dei ragazzi, qualunque cosa accadesse non ricercava mai il colpevole ma sempre le motivazioni. Con lei ho fondato l’Associazione Niki Aprile Gatti onlus con cui facciamo moltissimi lavori, come raccogliere i giocattoli usati che grazie a Lucio, il marito di Jolanda, riescono a tornare nuovi e li doniamo alle case famiglie o a chi ne ha bisogno, oppure visitiamo le carceri e, adesso, abbiamo un progetto importante ideato anche con Jolanda, quello della realizzazione di un parco inclusivo per cui ancora stiamo raccogliendo fondi.

Infine ha parlato il marito Lucio Palombola scuola per lei era scritta a lettere maiuscole e insieme alla famiglia era la cosa più bella che avesse. Ha dedicato tantissimo tempo alla scuola e ha dato tanto ma riceveva anche tanto sia dai colleghi sia dai ragazzi. Oltre che una brava insegnante era anche una grande donna con un cuore grandissimo.”