“Ce l’ho fatta, la Ring Road è mia”, l’impresa in Islanda dell’avezzanese Francesco De Michelis dedicata all’amico Gian Mauro Frabotta



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – “Ce l’ho fatta, la Ring Road è mia! Sono stati i 1332km più belli della mia vita“, celebra così sui social la riuscita della sua impresa in Islanda l’avezzanese Francesco De Michelis che, in 15 giorni e con oltre 70km al giorno di media, ha conquistato la Ring Road, la principale strada islandese che percorre l’isola in forma circolare. Francesco ha dedicato all’amico Gian Mauro Frabotta, morto lo scorso gennaio sul monte Velino, la sua impresa :”Per Gian Mauro che, adesso posso dirlo, il giorno prima di morire acquistò la bicicletta per accompagnarmi in questo viaggio. Sei qui con me“.

Un paio d’anni fa” – racconta Francesco – “mi capitò tra le mani un articolo di giornale che raccontava la storia di David Chong, ventottenne statunitense che nel 2015 corse la Ring Road in totale autosufficienza in 27 giorni (poco più di 45km al giorno se si tengono fuori dal computo totale i tunnel che si incontrano lungo il percorso e che si è costretti a superare con un bus), l’idea mi stuzzicò da subito: ero certo di poter finire il giro con qualche giorno di anticipo rispetto a David. Così iniziò questo splendido viaggio che oggi, dopo 15 giorni e più di 70km in media al giorno, si conclude.