Casa occupata abusivamente, parla la giovane mamma rom: “era disabitata e così sono entrata”


Avezzano – Sostiene di aver occupato quell’alloggio popolare perché disabitato e di averlo ripulito con le sue mani per poi entrarci con la figlia di appena 6 mesi. E’ quanto dichiarato al quotidiano PrimaDaNoi da Rosa, 24enne di etnia rom, mamma di una bimba di 6 mesi, entrata nei giorni scorsi in una abitazione Ater senza che le fosse stata assegnata.

Venerdì anche il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, aveva annunciato il suo arrivo nel capoluogo marsicano, mercoledì 23 marzo, in via Piersanti Mattarella, dove sorge il palazzo Ater, insieme alla coppia dei legittimi assegnatari con i tre figli.

Adesso interviene, con una nota, il segretario nazionale dell’Italia dei Valori, Ignazio Messina, chiedendo l’intervento del ministero dell’Interno. Intanto la donna si difende: «Ammetto di essere entrata in un’abitazione non di mia proprietà ma sono entrata perché era aperta e disabitata da mesi e lo testimoniano le condizioni di abbandono e le bollette pari a zero euro dell’ultimo periodo».

Secondo il sindaco di Avezzano, Giovanni Di Pangrazio, «occupare una casa è un atto incivile e illegale che va condannato ma non bisogna associare Avezzano al far west», dice annunciando di aver disposto un dossier da parte degli uffici competenti per verificare quante situazioni del genere siano presenti ad Avezzano.

«Il fenomeno è sempre più frequente in molte parti d’Italia. Ben vengano i politici nazionali almeno – conclude il sindaco – si rendono conto che la soluzione è modificare la legge».

«Solleciterò personalmente il ministero dell’Interno – dice il segretario nazionale Idv, Messina – affinché si adottino adeguati e immediati provvedimenti di ripristino della legalità nell’incredibile vicenda della famiglia di Avezzano la cui casa è stata occupata da un gruppo di rom».

L’abitazione risulta assegnata dall’Ater a una donna nordafricana sposata con un uomo, residente in un paese della Marsica.

«Appena ci siamo resi conto che la casa era abbandonata – ha detto ancora Rosa – sono entrata e insieme a mio padre l’ho pulita portando via alcune cose e contestualmente mi sono autodenunciata, dimostrando – conclude mostrando un foglio con le firme di alcuni condomini – che gli assegnatari non si vedevano da mesi».

La famiglia assegnataria risulta ospite in un albergo della città.

Promobox

Alla Scoperta Della Scuola Di Alta Formazione 'Sapere Aude': Aperte Le Iscrizioni Per I Nuovi Corsi Di Formazione

Tanti i percorsi formativi e di aggiornamento su scala nazionale che questa scuola, da oltre 6 anni, propone ai tanti corsisti che si immergono in nuove esperienze, ampliando il loro bagaglio culturale con passione e dedizione, grazie anche al lavoro di un team altamente qualificato e specializzato, vicino alle esigenze di ognuno di loro.


Invito alla lettura

Ultim'ora

Protesta avvocati Avezzano, Fedele al loro fianco davanti al tribunale “il M5s non farà mai un passo indietro in questa battaglia a tutela della giustizia”

Avezzano – Presente anche il Consigliere regionale Giorgio Fedele all’assemblea degli avvocati tenutasi questa mattina davanti al Tribunale di Avezzano. “Siamo qui oggi per continuare a sostenere con convinzione questa battaglia.  Ad Avezzano, in ...


Chiusura tribunali abruzzesi, il neo eletto senatore Michele Fina(Pd): “Lavoreremo ad una soluzione definitiva”

Avezzano – “Appoggiamo la protesta degli avvocati, una soluzione strutturale è priorità di questa legislatura. Non appena sarò entrato in carica e non appena sarà ...

L’Aquila, salute mentale: il 10 ottobre screening gratuito alle donne

Postazione con i medici specialisti al centro commerciale L’Aquilone Lo scorso anno, su 211 casi esaminati, il 30% hanno mostrato depressione e la metà sentimenti ...

Ultimata la messa in sicurezza di un primo tratto della A25 dopo le segnalazioni di attraversamento di orsa Amarena e dei suoi cuccioli

Nel 2021, a seguito delle segnalazioni di attraversamento di Amarena e dei suoi cuccioli nella zona di Carrito, il Parco ha lavorato intensamente affinché venisse ...

Sofia, la bimba morta a Rocca di Botte, oggi avrebbe compiuto 6 anni: “continua a proteggerci”

Rocca di Botte – Nessuno può dimenticare la tragedia avvenuta a Rocca di Botte il 19 Ottobre del 2021: la piccola Sofia, una bambina di ...



Lascia un commento