Capistrello, il gruppo “Una Buona Idea” esprime la propria posizione ufficiale sulle dichiarazioni del Sindaco Ciciotti alla stampa

Capistrello – Riceviamo e pubblichiamo, il comunicato del gruppo Una Buona Idea che esprime la propria posizione ufficiale sulle dichiarazioni rese alla stampa, dal Sindaco Francesco Ciciotti e si attende una risposta ufficiale del primo cittadino.

Capistrello, il gruppo “Una Buona Idea” esprime la propria posizione ufficiale sulle dichiarazioni del Sindaco Ciciotti alla stampa“Ci ritroviamo a distanza di pochi giorni a rispondere ad un comunicato stampa del Sindaco, di cui facciamo fatica a comprendere l’utilità, a parte la mera strumentalizzazione o propaganda politica.

In questo modo, le legittime e sacrosante prerogative delle minoranze, vengono svilite dalla voglia di protagonismo di qualcuno.

Prima di far chiarezza sulle tematiche sollevate nell’articolo e sulle “stravaganze amministrative” del Sindaco, risulta doveroso fare alcune premesse.

Quando abbiamo iniziato questo percorso, ci siamo sempre posti come obiettivo primario il bene comune ed una efficacia di intervento utile a raggiungere risultati soddisfacenti per tutti attraverso il confronto ed il dialogo

Il nostro intento, infatti, è quello di porci come opposizione costruttiva non dimenticando il ruolo che ci ha dato l’elettorato “vigilare sulla corretta gestione della cosa pubblica”.

Certo, obiettivo difficile da raggiungere visto l’atteggiamento dell’amministrazione!!

Vorremmo ribadire a tutti i componenti della maggioranza, al segretario comunale e in particolar modo al Presidente del consiglio, invitandola ad essere al di sopra delle parti visto il ruolo che riveste, i concetti fondamentali di Rispetto e Democrazia, che sono sintomo di civiltà e buona educazione. Ci auguriamo per il futuro un maggiore rispetto del Regolamento nel corso delle sedute consiliari e consigliamo al Presidente, per le prossime volte di verificare che siano pervenuti i pareri dei revisori prima di convocare il consiglio!!

Non è ammissibile che durante ogni singolo consiglio si manifestino atteggiamenti arroganti, denigratori e molto offensivi, che venga data o tolta la parola a seconda della convenienza non rispettando le più elementari regole di democrazia, è una questione di stile oltreché di correttezza!!!

Dopo queste premesse vorremmo spendere qualche parola sulle questioni oggetto dell’articolo.

Il primo elemento di stupore riguarda il contributo di 1000 euro che è stato erroneamente concesso ad alcune attività: come può un’Amministrazione non controllare e valutare le documentazioni presentate in buona fede colpevolizzando il cittadino che ne ha fatto richiesta e scaricando poi tutte le responsabilità sul segretario comunale, al quale vanno le nostre più sentite condoglianze per la perdita della cara mamma.

Altro elemento critico sono le concessioni Scadute del chiosco e dell’ostello. A tal proposito buffe sono le dichiarazioni del sindaco: “la politica di 40 anni fa non esiste più, le spartizioni qui dentro non esistono, se necessario andremo a riprendere le chiavi con la forza”, sarebbe quindi interessante capire se lo stesso trattamento sarà riservato agli impianti sportivi, considerando che in questo caso le concessioni sono Scadute da diversi anni!!!

Invece di sollevare sterili polemiche e fastidiosi polveroni utili solo a distogliere l’attenzione dell’elettorato, perché il nostro Sindaco non si preoccupa dei problemi reali? Come mai non spiega ai cittadini il motivo dell’aumento smisurato delle spese legali e la liquidazione delle parcelle a difensori nonostante il parere contrario del giudice?

Che ne è stato del diritto dei nostri bambini e dei ragazzi all’attività fisica visto che da diversi anni non abbiamo più una palestra? Come mai la maggioranza non si occupa del gravissimo problema di inquinamento delle acque del fiume Liri, che pure è costantemente posto all’attenzione di tutti da parte di cittadini responsabili mossi dal un elevato senso civico? Che posizione intende prendere nei riguardi del segretario, viste le note vicende giudiziarie nelle quali è stato coinvolto? Come pensa di ristrutturare e ripristinare le numerose strutture comunali ormai abbandonate al degrado totale?

Non trova grave che le nostre associazioni, parte vitale del paese, per diversi mesi non abbiano avuto una sede e per rimediare si è dovuto ricorrere al pagamento di una locazione alla provincia?

A proposito della presa in gestione della casa cantoniera, avvenuta anche grazie al contributo politico del nostro CONSIGLIERE comunale Emiliana Salvati, che ha lavorato in maniera trasversale per raggiungere l’obiettivo per il bene di tutta la comunità, ci auspichiamo che ne sia concesso l’uso a tutte le associazioni in modo equo e non come accaduto con i contributi fino ad ora concessi.”