Capistrello, acqua maleodorante dai rubinetti della scuola elementare e materna



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Capistrello – “Da giorni nel centro rovetano si è diffusa la notizia di un serio inconveniente igienico nei pressi della scuola elementare e materna di Santa Barbara che ha lasciato in apprensione le famiglie”.

Sulla vicenda hanno preso posizione e richiesto maggiori informazioni i Consiglieri comunali di opposizione:“Nelle ultime ore abbiamo ricevuto molte sollecitazioni da parte dei genitori dei bambini ospitati nell’edificio scolastico di Santa Barbara al fine di ottenere dall’Amministrazione comunale notizie sulle condizioni igienico-sanitarie dell’istituto – dichiarano i consiglieri Francesco Piacente, Dina Bussi, Anna Rita Mariani e Wilma Statiun anomalo e preoccupante silenzio è stato imposto su questa vicenda senza che le famiglie fossero informate per tempo del delicato inconveniente. Sono stati i bambini, tornando a casa, ad avvertire le famiglie che da qualche giorno era loro proibito di usare l’acqua perché emanava cattivo odore, creando grande preoccupazione tra i genitori. Ma come si può gestire in un modo tanto superficiale una vicenda così delicata per la salute dei bambini? Sembra siano state effettuate diverse analisi sulla rete idrica e interventi di sanificazione d’urgenza dei serbatoi ma di fronte a tanta confusione non si possono lasciare le informazioni in preda alle voci di corridoio: chiediamo, quindi, con forza che venga immediatamente emanata una comunicazione ufficiale alle famiglie che possa fare definitiva chiarezza. Perché nonostante l’acqua dei rubinetti fosse da giorni maleodorante il Sindaco non ha emesso, per precauzione, ordinanza di divieto d’uso ovvero di chiusura della scuola per procedere a verifiche? Perché nessuno ha avvisato le famiglie ed è stato imposto il silenzio sulla vicenda a rischio e pericolo dei bambini? Aspettiamo con urgenza una risposta”.




Lascia un commento