Cade l’accusa di associazione mafiosa per il Clan Fasciani



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Capistrello – Si chiude con 10 condanne e 8 assoluzioni il processo d’appello che vedeva alla sbarra diciotto persone, tra cui diversi componenti della famiglia Fasciani, originari di Capistrello, accusati di aver dominato attività illecite a Ostia. La pena più alta, 10 anni rispetto ai 28 anni del primo grado, è toccata al boss Carmine Fasciani, mentre è di 6 anni e 6 mesi di reclusione la condanna inflitta alla moglie Silvia Bartoli, alla quale il tribunale, il 30 gennaio del 2015, aveva dato 16 anni e 9 mesi. Il boss Carmine Fasciani e la moglie Silvia Bartoli secondo l’accusa erano i vertici di un gruppo criminale.

Pene molto più lievi per le figlie di Carmine, Sabrina Fasciani (5 anni e 4 mesi, invece dei 25 anni e 10 mesi del primo processo) e la sorella Azzurra (4 anni e 10 mesi, rispetto agli 11 anni decisi dal tribunale), e per il nipote Alessandro (4 anni e mezzo, in primo grado ne aveva avuti 26). Cinque anni e 8 mesi (rispetto ai 17 anni del primo giudizio) è la condanna attribuita a Terenzio Fasciani, uno dei fratelli di Carmine. Assolto, invece, Nazareno Fasciani, altro fratello di Carmine.




Lascia un commento