Cade a causa di una buca, Comune costretto a pagare 142mila euro di risarcimento



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Capistrello – Maxi risarcimento per una donna caduta mentre camminava in via Mameli, a Capistrello. Il Comune, a seguito di una sentenza del Tribunale di Avezzano, passata in giudicato, dovrà pagare una cifra pari a 141.836,42 mila euro. I fatti risalgono al febbraio 2016 quando la donna inciampò e cadde a causa di una buca.

I legali della donna, Salvatore Braghini e Renzo Lancia, presero contatti con l’assicurazione del Comune per una composizione extragiudiziale, ma nessun accordo fu trovato in quanto questa non ritenne la caduta oggetto di risarcimento. Così partì la causa.

Il 20 marzo 2019 il Tribunale di Avezzano ha emesso la sentenza ed il Comune, all’epoca commissariato, avrebbe potuto proporre appello nei limiti previsti dalle legge. Ma ciò non è stato fatto ed ora l’Ente dovrà pagare alla donna l’ingente somma.