Bruno, l’orso che aggredì il suo custode nel centro visita del Parco D’Abruzzo | VIDEO



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa
Pescasseroli Il video di Bruno, l’orso centroeuropeo balcanico, che aggredì il suo custode nel centro visita del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, trasferito qualche anno fa , nella dimora di San Romedio, il santo protettore dell’orso che ha dato alloggio a plantigradi dal carattere non proprio facile. Ricordiamo Jurka, sofferente e sempre di malumore. Come Bruno che ha problemi di personalità legati alla sua vita difficile.
Bruno venne trasferito di gabbia in gabbia fin dalla nascita senza aver ricevuto le necessarie cure materne. Rimase vittima dei traffici di animali. Fu sottratto a mamma orsa da un appassionato di specie esotiche che lo esibiva nelle fiere a scopo di lucro. Poi il Corpo Forestale dello Stato lo diede in custodia al Parco d’Abruzzo al quale poi il Tribunale di Roma lo affidò definitivamente, fino al trasferimento nella Val di Non.




Lascia un commento