Breve ondata di freddo alle porte della Marsica



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Nel corso delle giornate di lunedì e di martedì di questa settimana, una massa d’aria gelida di matrice artica-continentale, ossia proveniente direttamente dall’entroterra russo-siberiano, si muoverà verso sud-ovest mediante l’espansione dell’Anticiclone delle Azzorre verso nord-ovest, un moto circolatorio che tale figura barica potrebbe avere soprattutto durante il mese di Dicembre, con il conseguente arrivo d’aria molto fredda verso l’Europa e l’Italia; ne torneremo a parlare. Procedendo con ordine, dall’analisi dell’ultima immagine satellitare, si nota l’estensione dapprima a mo’ di promontorio, successivamente a mo’ di cuneo, della cosiddetta area anticiclonica azzorriana di natura semipermanente, la quale, ripeto, elevandosi verso nord/nord-ovest, è una grande regolatrice delle masse d’aria provenienti dalle regioni polari e artiche, verso più basse latitudini. In effetti, la formazione di un promontorio fino all’Atlantico settentrionale, fa sì che, già dalle ultime ore, i bordi orientali della zona anticiclonica, fungano da scivolo all’aria gelida proveniente direttamente dalle latitudini artiche, permettendole di dilagare verso l’Europa centrale e orientale, dunque anche sulle aree balcaniche. L’area depressionaria che convoglia la massa d’aria artico-continentale, è evidenziata da quel ricciolo di nubi che nel nostro emisfero ruota in senso antiorario: tra la sera e la notte di questo lunedì e durante la giornata di martedì, il fronte freddo e instabile accompagnato dalla rotazione ciclonica, darà luogo a un peggioramento delle condizioni meteorologiche sulle regioni di nord-est, le regioni adriatiche del Centro e del Sud Italia.

Si tratterà di rovesci di pioggia e temporali, nonché di nevicate sulle Alpi e sull’Appennino centrale e meridionale, le quali scenderanno repentinamente da quote medie fino a quote molto basse, a tratti quasi pianeggianti sulle regioni adriatiche del Centro-Sud. Entro martedì, infatti, la massa d’aria molto fredda o gelida sarà affluita in tutta Italia, attraverso correnti molto fredde da nord/nord-est, di Bora e di Tramontana sulle regioni del Nord Italia e sull’alto Adriatico, di Grecale sul medio e basso Adriatico. Nonostante l’allontanamento del fronte freddo e temporalesco, l’effetto ASE (Adriatico Snow Effect), dovuto all’incontro tra l’aria molto fredda nei bassi strati e la superficie molto mite del Mar Adriatico, quindi al conseguente instaurarsi di moti ascensionali e alla formazione delle nuvole nembostrati e cumuliformi, favorirà ancora tempo variabile rappresentato da un’alternanza tra nubi e sprazzi di Sole, lungo la costa abruzzese, molisana e pugliese. Sulla costa abruzzese potrebbe esserci qualche breve episodio di pioggia mista a neve, mentre nevicherà debolmente sulle aree collinari, non sono esclusi successivi rovesci di gragnola o di neve tonda fin verso il mare. Lo “stau appenninico”, inoltre, favorirà brevi e rapide nevicate nelle aree interne appenniniche a quote bassissime. Esse saranno molto deboli e intermittenti, per quanto riguarda l’Abruzzo, potranno interessare l’aquilano e la Marsica orientale e sud-orientale, sino alla Valle Peligna. Gli ampi rasserenamenti, avuti mediante l’ingresso d’aria molto fredda e più secca dai Balcani, permetteranno forti gelate notturne nell’entroterra, anche e soprattutto su tutta la Marsica, in particolare tra martedì e mercoledì. Nella giornata di giovedì, l’Anticiclone delle Azzorre si estenderà sullo stivale, ripristinando una veloce fase di tempo stabile.




Lascia un commento