‘Boss in incognito’ questa sera su Raidue con il presidente della Tekneko Di Carlo



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Ricordiamo che questa sera su Rai 2 due alle 21:20 andrà in onda  “Boss in incognito”, dove il  presidente della Tekneko Umberto  Di Carlo sarà protagonista del  docu-reality della Endemol Shine Italy.

In ogni puntata di “Boss in incognito”, un imprenditore dirigente di un’azienda viene camuffato attraverso trucco e parrucco per immedesimarsi, in incognito, in un dipendente della sua azienda, documentando cosi le giornate lavorative di un’intera settimana da lui svolte come dipendente.

Ovviamente è presente una troupe televisiva, che fa credere ai dipendenti di essere lì per creare un documentario sulla crisi e il lavoro. Alla fine della puntata il dirigente si sveste dal travestimento e convoca i suoi dipendenti riferendo cosa ha visto di positivo e negativo nel lavoro svolto da loro.

Ed è proprio in questa attività che Di Carlo si è cimentato per una settimana e questa sera su Rai 2 verrà mandata in onda la puntata che lo vede protagonista.

“Ho lavorato fianco a fianco dei miei operatori  – ha dichiarato Di Carlo – scoprendo segreti di questo complesso mestiere e realtà che mai avrei immaginato. Tekneko è una macchina molto articolata e variegata, ben 550 dipendenti che operano su territori diversi sia dal punto di vista geografico, sia organizzativo, ma sempre con grande professionalità. Vedere da vicino le braccia e le gambe della nostra azienda e toccare con mano la professionalità dei nostri operatori è stata per me una bellissima esperienza che mi ha lasciato tanto”.

Le telecamere della Rai hanno ripreso l’attività delle varie squadre della Tekneko che operano in diversi luoghi della Marsica: Avezzano, Celano, Scurcola Marsicana, Trasacco, Collelongo e Villavallelonga.

Appuntamento questa sera alle 21.20 su Rai Due con “Boss in incognito”. (C.B.)




Lascia un commento