Bicentenario suore di Carità, grande partecipazione alla celebrazione



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo. Grande partecipazione ieri mattina alla messa celebrata dal Vescovo dei Marsi, Mons. Pietro Santoro, in occasione del bicentenario della presenza a Tagliacozzo delle suore di Carità di Santa Giovanna Antida. La cittadinanza tutta ha voluto stringersi intorno alla comunità di religiose che in questi due secoli ha dato davvero molto ai tagliacozzani.

«Vi abbraccio uno per uno con affetto e gratitudine», ha affermato commossa la Superiora, suor Aloisia, salutando i fedeli. «Oggi, tra tutti voi, vedo Santa Giovanna Antida, che venne a Tagliacozzo nel 1818 a pregare per l’opera che dura da duecento anni». 

Trai banchi della chiesa dei Santi Cosma e Damiano si riconoscevano i volti delle suore che hanno cresciuto migliaia di bambini tagliacozzani. E proprio quei piccini, ormai adulti, hanno voluto dimostrare il loro affetto alle religiose accorrendo numerosi alla loro festa. Quella di ieri è stata una domenica carica di emozioni e ricordi per tutti i partecipanti alla celebrazione eucaristica.

«Tagliacozzo, storicamente e spiritualmente, è un punto molto importante per le suore di Carità», ha spiegato la Madre Generale, suor Nunzia. «Era terra di confine tra lo Stato Pontificio e il Regno di Napoli, per questo è sempre stata una cittadina strategica. Proprio Santa Giovanna Antida ha accompagnato le prime suore qui, durante uno dei suoi viaggi tra Napoli e Roma. A Tagliacozzo le suore di Carità hanno dato tanto per la comunità, ma hanno soprattutto ricevuto».

Il lungo e importante percorso formativo ed educativo svolto dalle suore di Carità a Tagliacozzo, nonché l’importante assistenza ai malati e ai poveri, è stato ricordato anche dal Vescovo durante l’omelia. «La memoria è riportare nell’oggi storie e biografie che hanno segnato il cammino di un popolo. Possiamo dire che Santa Giovanna Antida è un’anima completamente trasfigurata da Cristo», ha affermato Mons. Santoro. «Donna di coraggio, preghiere e azioni, di tabernacolo e di strada, che ha saputo vedere l’immagine di Gesù nei poveri, negli ultimi, nei malati e negli abbandonati. Al Mistero profondo della Chiesa ha educato, in tempi di scissioni e di opposizioni nella chiesa. Anche il nostro – ha concluso il Vescovo – è un tempo scuro. Si va alla ricerca della Fede come tranquillante psicologico, ma non è questa la Fede».

Alla celebrazione per il bicentenario della presenza delle suore di Carità a Tagliacozzo hanno partecipato anche le autorità civili, i parroci del paese, la Croce Rossa Italiana e numerose associazioni che operano nel comune marsicano.




Lascia un commento