Berardinetti incontra allevatori e imprenditori agricoli a Castellafiume. “Si trovi la giusta soluzione per i rimborsi alle aziende zootecniche”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Castellafiume. “Un espresso richiamo alla Giunta regionale e, nello specifico, agli assessori Dino Pepe e Silvio Paolucci, affinché si trovi, quanto prima, la giusta soluzione al problema relativo ai rimborsi per le aziende zootecniche a seguito delle emergenze sanitarie e veterinarie verificatesi negli anni scorsi”. È quanto è tornato a chiedere il consigliere regionale, Lorenzo Berardinetti, dopo un confronto con gli allevatori e gli imprenditori agricoli dell’Alta Valle del Liri (Cappadocia, Capistrello e Castellafiume).

“Ho incontrato ancora una volta le aziende del territorio che vivono dedicandosi all’attività boschiva e agricola e, conseguentemente, lavorano con il supporto di muli e cavalli”, ha precisato Berardinetti, “nei loro interventi, gli imprenditori hanno sottolineato la gravità della situazione e le numerose difficoltà che, quotidianamente, sono costretti ad affrontare. Il settore zootecnico, infatti, ha subito notevoli danni, anche a seguito degli ultimi eventi calamitosi e, proprio per questi motivi, necessita di segnali forti di sostegno e vicinanza. Da sempre ho seguito con attenzione questa tematica e il suo evolversi, allo scopo di dare risposte concrete ai soggetti interessati. La problematica degli indennizzi per l’abbattimento di capi o animali morti a causa della malattia dell’anemia infettiva equina è piuttosto complessa ed è resa ancor più articolata dal susseguirsi di interventi normativi in materia”.

“Proprio per questo”, ha concluso Berardinetti, “ritengo sia necessario, al fine di potersi adeguare all’impianto normativo e notificare il nuovo regime di aiuti alla Commissione europea, che gli assessori Paolucci e Pepe si attivino da subito, rispettivamente, per garantire la necessaria copertura finanziaria e rendere più veloci le procedure volte ad ottenere la liquidazione dei rimborsi che spettano agli allevatori e agli imprenditori agricoli danneggiati”.




Lascia un commento