Bando Regionale Fare Centro: La cooperativa L’Arca avvia il progetto Campus Gran Sasso



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Bando Regionale Fare Centro: La cooperativa L’Arca avvia il progetto Campus Gran Sasso -Il Laboratorio del Paesaggio di Campo delle Piane Con lo scorrimento della graduatoria del bando Fare Centro nel Cratere Sismico del Gran Sasso, la Regione Abruzzo ha concesso un contributo del 70% sul progetto de minimis di circa duecentomila euro alla cooperativa L’Arca, aderente a Legacoop Abruzzo, con sede legale a Montebello di Bertona.

L’area del cratere sismico comprende il territorio del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Il tragico terremoto del 6 Aprile 2009 con epicentro all’Aquila, le numerose e continue frane nelle zone delle colline argillose della fascia orientale del Gruppo del Gran Sasso, le violente valanghe con la distruzione dell’albergo di Rigopiano il 18 Gennaio del 2017, hanno determinato negli ultimi anni un senso di impotenza e paura tra i residenti e i turisti, con la difficoltà a reagire positivamente di fronte a fenomeni naturali così imprevedibili e pericolosi. Il turismo tradizionale è crollato, le attività economiche sono sprofondate in una crisi senza precedenti, ricostruire edifici e palazzi sarà possibile, ma restituire ai luoghi colpiti dal sisma, il tessuto sociale ed economico sarà difficile. Alla crisi del flusso turistico si assiste all’inesorabile abbandono dei centri abitati montani. Un “popolo migratore” si sposta, ormai da alcuni decenni, verso le aree urbane della costa.

Continua l’esodo dei giovani nelle grandi città italiane, europee e perfino in altri continenti, in cerca di un lavoro stabile. In questo difficile contesto la coop L’Arca di Montebello di Bertona, esperta in comunicazione ambientale, produzione audiovisivi e sviluppo sostenibile e sociale, con il Laboratorio del Paesaggio vuole avviare un percorso nuovo, utile sia alla società residente sia ai nuovi potenziali fruitori esterni. La parola chiave è il paesaggio, un bene straordinario che merita di essere valorizzato con idee semplici ed efficaci. Il paesaggio dell’anima, come è stato definito il bacino del mediterraneo, dove il Gran Sasso d’Italia rappresenta la punta più elevata di tutta la penisola italica, è il luogo ideale per realizzare il progetto di un Campus permanente sul Paesaggio, dove offrire a tutti i residenti,, ma anche ai turisti responsabili, una possibilità articolata di attività, in perfetta sicurezza, grazie ad alcuni metodi di controllo fisico e monitoraggio continuo dello stato di salute individuale. Nel concreto questo progetto si articola in due momenti.

Nella sede operativa di Campo delle Piane verrà allestito un vero laboratorio attrezzato con i migliori strumenti per il monitoraggio delle attività sportive e fisiche, mentre un camper itinerante porterà nei centri del Parco la mostra itinerante sul Campus del Paesaggio per promuovere con filmati e immagini originali I valori del territorio. Tra le innovazioni tecnologiche L’Arca si avvale di alcuni strumenti all’avanguardia per il monitoraggio del paesaggio. Si tratta di speciali droni (SAPR) a cui si aggiungono attrezzature video-fotografiche di alto livello (Red). Il laboratorio di Campo delle Piane si rivolge ad un pubblico molto vasto con quattro sezioni distinte di un progetto articolato ma con le diverse azioni strettamente collegate.

Al primo Laboratorio del Movimento utile si aggiunge il mezzo itinerante con alcune iniziative complementari per promuovere i Festival delle Cammino valorizzando la ricca rete dei Sentieri del Parco. Si vuole cercare di invertire, almeno in parte, il senso di abbandono e difficoltà a cui è costretta la comunità vestina ed appenninica. Per realizzare il progetto del Campus Gran Sasso l’Arca si avvale oltre all’esperienza collaudata dei propri soci e collaboratori in materia turistica ed ambientale, anche di esperti del settore in ambito nazionale e internazionale dello sport e della comunicazione. La collaborazione stretta con il Gruppo Rosa, ed altri esperti sportivi dell’ambiente ha consentito al Laboratorio del Paesaggio, l’istituzione di un comitato specifico composto dai massimi vertici delle associazioni LAMU, Irisambiente ed Erci team, che operano da decenni nel settore sportivo del movimento utile e del benessere individuale e sociale.

In questo modo si fornisce la più ampia certezza di un progetto innovativo che potrà continuare anche dopo la fase di start-up. La Convenzione stipulata con l’Accademia delle Belle Arti dell’Aquila, la recente collaborazione avviata con l’associazione Ethicando per un nuovo Concorso di Fotografia sul Paesaggio con i massimi esperti di fotografia dell’Accademia di Brera, i corsi di fotografia e di birdwatching programmati insieme alle cooperative della Rete RICA, e l’adesione dell’Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga al programma di Ecorturismo proposto dall’Arca, rappresenta un ottimo punto di partenza per il Progetto del Campus. Proporre inoltre progetti e idee sviluppati e avviati da tempo in altre regioni, con la realizzazione di capanni fotografici speciali, curati nei minimi dettagli, per osservare gli animali in libertà senza disturbarli, rappresenta certamente una nuova opportunità per l’Abruzzo, un ottimo motivo di investimento nel settore dei beni strumentali, ma anche immateriali che oggi perfino l’Unesco comincia a inserire nel suo patrimonio. Il terzo Laboratorio dei mezzi SAPR (droni – sistemi a pilotaggio remoto) oltre ad essere collegato al primo per la documentazione e monitoraggio dei sentieri e delle attività antropiche, apre ad un mondo completamente innovativo con possibilità di lavoro importante nell’ambito della sicurezza, soccorso, cartografia, monitoraggio dei monumenti in 3d, rilievi di frane, fiumi e boschi, produzione docufilm.

Il Laboratorio fotografico e video con attrezzature all’avanguardia completa i primi tre interventi con una tecnologia capace di risolvere qualsiasi esigenza video, fotografica e grafica, ovviamente grazie ad un personale qualificato ed esperto che l’Arca ha già dimostrato di poter utilizzare con i numerosi documentari prodotti e premiati nei festival di settore. Coop L’Arca Roberto Mazzagatti Scheda sull’Arca La Cooperativa L’ARCA nasce a Penne nel febbraio 2005, costituita ai sensi della legge regionale 136/96 per gli interventi finalizzati allo sviluppo di iniziative imprenditoriali giovanili ecocompatibili nei territori dei Parchi Nazionali, Regionali e delle Riserve Naturali. La cooperativa è convenzionata con la Riserva Naturale Regionale Lago di Penne ed ha avuto la prima sede nel Centro Visite della Riserva stessa. Specializzata nelle riprese naturalistiche digitali di alta definizione (HD) e nella produzione di documentari, nel 2007 ha vinto come produzione il primo premio al Film Festival di Sondrio con il documentario La pietra che vive di Marco Andreini, miglior lavoro in un’area protetta, il premio giovani registi al Festival Internazionale del Cinema Naturalistico e Ambientale di Teramo con il documentario Il Custode dei boschi di Alessandro Di Federico. Il documentario La biodiversità del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga di Fernando Di Fabrizio ha ricevuto il premio del pubblico al festival del cinema naturalistico di Teramo.

L’Arca ha prodotto importanti documentari per conto del Corpo Forestale dello Stato, del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, del WWF Italia, della Riserva Naturale Regionale Punta Aderci, di Comuni ed Enti locali. L’Arca ha realizzato, inoltre, un archivio fotografico sul territorio appenninico, riferito alle aree naturali protette abruzzesi. Ha inoltre realizzato documentari naturalistici in ambito internazionale, Il gorilla di montagna in Congo, Il fiore delle stelle in Perù e Le Gru di Gallocanta in Spagna. Con la sede legale a Montebello di Bertona la cooperativa ha continuato a produrre immagini inediti di paesaggi, animali e piante delle aree protette in Abruzzo, Italia ed all’estero. Da alcuni mesi ha aperto una sede operativa a Roma per essere continuamente presente nella capitale italiana ed offrire sempre nuovi servizi video e fotografici ad Enti pubblici e privati e raggiungere, con una elevata comunicazione ambientale, quanta più gente possibile per invitarla a frequentare i numerosi boschi secolari, e i fantastici altopiani incantati del Gran Sasso.

Il primo presidente dell’Arca è stato Alessandro Di Federico che attualmente produce documentari naturalistici e reportage di viaggi in tutto il mondo trasmessi continuamente dalle principali redazioni della Rai nazionale. Successivamente il responsabile legale della cooperativa è stato il noto fotografo naturalista Roberto Mazzagatti esperto del grande nord che ha realizzato numerosi reportage sui paesaggi sconfinati e protetti della regione paleartica, dai grandi Parchi degli USA e del Canada alle isole Svalbard del mare glaciale artico, dall’Islanda, Spagna e Finlandia fino al Giappone. Attualmente il Presidente è il giovane direttore della fotografia Leonardo Di Fabrizio laureato allo IED Istituto Europeo di Design di Roma che ha prodotto numerosi video su commissione in location italiane ed anche all’estero, Singapore, Londra, Zurigo per importanti marchi istituzionali e privati. Insieme ad alcuni colleghi ha avviato nella sede dell’Arca di Roma un nuovo gruppo, Wale che unisce diversi esperti dell’immagine, del video e cinema (www.wale.it)



Redazione Contenuti

Ad Avezzano torna la favola invernale di “Magie Di Natale”, eventi, mercatino natalizio, pista di pattinaggio e molte altro per il natale marsicano

Avezzano – Le vetrine dei negozi sono già addobbate a festa, i piazzali dei centri commerciali illuminati da migliaia di decori scintillanti.  Ad arricchire l’atmosfera dell’evento che più di ogni altro ha il sapore delle festività, dopo il forzato stop dovuto alla pandemia, torna MAGIE DI NATALE, l’atteso appuntamento del 2021. Organizzato dal Comune di

Lascia un commento