Bancarotta fraudolenta, assolto imprenditore avezzanese



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Si è concluso il processo a carico di Renato Boccabella, 68enne avezzanese, accusato del reato di bancarotta fraudolenta. Il gup del tribunale di Avezzano, Maria Proia, lo ha assolto “per non aver commesso il fatto”.

I fatti risalgono al 2009, quando andò in fallimento la srl Reedil e Boccabella, all’epoca legale rappresentante, finì accusato di aver sottratto, rendendole irreperibili, le scritture contabili necessarie per lo svolgimento delle operazioni contabili della società che era fallita. L’accusa è stata sostenuta dal pm Vincenzo Barbieri.

Il gup, accogliendo la tesi difensiva dell’avvocato Domenicantonio Angeloni, ha assolto Boccabella.




Lascia un commento