Avezzano: “Una scelta in Comune”, un atto d’amore per la vita



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. Da martedì 28 marzo ad Avezzano sarà possibile esprimere, al momento del rilascio o del rinnovo della carta d’identità, la propria volontà in merito alla donazione di organi e tessuti.

Il Comune di Avezzano ha aderito al progetto “Una scelta in Comune – la donazione come tratto identitario”, in collaborazione con il Centro Regionale Trapianti regione Abruzzo – Molise (CRT); l’iter per l’attuazione pratica ha incluso anche il corso di formazione per i dipendenti dell’ufficio Anagrafe e la necessaria “messa in rete” con il database principale.

I cittadini maggiorenni potranno esprimere la loro volontà attraverso un modulo apposito, reperibile nell’ufficio anagrafe del Comune, e l’indicazione così espressa, come avviene anche quando la si rilascia attraverso gli uffici Asl o l’AIDO (associazione italiana per la donazione di organi e tessuti) o associazioni del settore, sarà inserita nel registro nazionale dei donatori, istituito dall’Istituto Superiore di Sanità e consultabile in caso di necessità dai medici del Coordinamento regionale.

La scelta, sia essa negativa che positiva, potrà essere modificata in ogni momento tramite gli uffici Asl del territorio.

I cittadini che, pur non dovendo richiedere o rinnovare il documento d’identità, volessero esprimere la propria volontà sul delicato tema, potranno farlo rivolgendosi direttamente agli uffici Asl.

La fase operativa è stata presentata nella sala conferenze del Comune dall’assessore Alessandra Cerone con la dottoressa Daniela Maccarrone, Centro Regionale Trapianti regione Abruzzo – regione Molise, e il dottor Angelo Blasetti del Coordinamento locale per i trapianti dell’ospedale di Avezzano.

Il varo ufficiale dell’iniziativa prevede una capillare campagna di informazione atta a fornire tutte le notizie utili sulla donazione di organi e tessuti e le risposte agli interrogativi più frequenti.

” É un progetto che abbiamo voluto fortemente ed è stato reso possibile anche dall’impegno costante e puntuale della dottoressa Maria Laura Ottavi e dallo staff dell’ufficio di settore, con la responsabile Enza Albori in testa, che ci hanno permesso di centrare l’obiettivo in tempi brevi.

A tutti loro ed alla disegnatrice grafica Angelica Isoardi, che ha regalato al Comune il proprio lavoro,  va un sentito e doveroso ringraziamento”, ha spiegato l’assessore Alessandra Cerone, “Obiettivo del nostro progetto è sensibilizzare la cittadinanza sul tema e diffondere la cultura della donazione, per far sì che la maggior parte delle persone abbia consapevolezza dei benefici che possono venire da una scelta così generosa, così umana.

Donare è un atto d’amore, e questo atto è tra i più grandi atti d’amore possibili, di grande civiltà “.

Il trapianto di organi resta in molti casi di malattie gravi l’unica possibilità di cura, e il divario tra persone che necessitano di un trapianto e le donazioni di organo è molto ampio, come testimoniato, purtroppo, dalle lunghissime liste d’attesa, che per i pazienti significano tempi talvolta tanto lunghi da vanificare ogni speranza.





Lascia un commento