Avezzano rende onore a Mario Spallone



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Nella  cerimonia di commemorazione a 100 anni dalla sua nascita, nella Sala Consiliare del Comune di Avezzano, è stato ricordato un uomo che ha dimostrato cosa significa rispettare il popolo che lo ha eletto, per ben due candidature, a Sindaco: il prof. Mario Spallone.

Mario Spallone, nato a Lecce dei Marsi il 22 ottobre 1917 e deceduto a Roma il 15 maggio 2013, è stato medico e consigliere di Palmiro Togliatti  e di altri importanti personaggi del Pci.  Spallone:  presunto agente di collegamento fra il Pci e il servizio segreto del Sifar  etc . etc. etc.

Questa è la più conosciuta delle note della sua biografia, a cui bisognerebbe accedere per capire  la storia incredibile di un uomo che ha dato 10 anni della propria vita alla rivalutazione di quello che lui riteneva essere il proprio territorio. Una storia forse sottovalutata dai cittadini marsicani, che non hanno ben compreso la sua valenza di personaggio nella politica italiana,  impossibile da dimenticare.  Non la storia della sua vita, ma l’aspetto umano della sua vita, ricca di episodi e di straordinari momenti, è stata ricordata in questa celebrazione.

Il Sindaco  Gabriele De Angelis, ha porto i saluti ai presenti evidenziando  il generoso impegno politico del prof. Spallone. Ha preso poi la parola il figlio,  Alfredo Spallone,  che ha espresso la gioia di ritrovare quei volti che hanno affiancato il padre nel percorso politico avezzanese. Ha mal celato poi la commozione quando gli è stata consegnata la targa ricordo, a testimonianza della stima dell’amministrazione comunale per  il Prof Spallone.

 I momenti straordinari  che hanno fatto poi la storia di questa città sono stati raccontati da Flavia De Santis, Nazzareno Di Matteo, Goffredo Taddei , Sergio Galbiati, amministratore delegato di Lfoundry,  e Stefano Pallotta, presidente dell’Ordine dei Giornalisti e direttore, per oltre 20 anni di Atv7, protagonista con il professore, della famosa trasmissione ‘Telefono aperto’.

Impossibile dimenticare quando Mario Spallone con  la carica di sindaco  (1970-1985) finì sotto i riflettori delle cronache  avendo istallato, da tempo,  nel cimitero di Lecce dei Marsi  casse acustiche che diffondevano musica.  La sua  tenacia insistente  per ottenere il riconoscimento  di Avezzano capoluogo di provincia. La richiesta  di riaprire le  case di tolleranza, come asseriva,  “per la sicurezza dei cittadini”. Infine la dimostrazione della sua forza e della sua caparbietà nel decidere nel   2012,  a  95 anni, di candidarsi a Sindaco a capo della lista “Per la Marsica e per Avezzano”, ottenendo  il riconoscimento quale più anziano aspirante sindaco d’Italia.

Il teatro dei Marsi, l’urbanizzazione della città di Avezzano e tante altre importanti opere sono il segno della sua dedizione alla Città, importanti come quella lampadina rotta sostituita nel lampione della strada della signora X, la buca riparata nella via del signor Y. Piccole cose che lo hanno reso il “Sindaco di tutti” .

Certo non va dimenticato anche che venne indagato per gli aborti clandestini di Villa Gina e per aver aiutato il faccendiere Flavio Carboni, e altre operazione che in parte lo allontanarono dal Partito.

Non era  un santo, ma un uomo con pregi e tanti difetti, ma pur sempre colui  che riusciva a non creare barriere con i cittadini più semplici, nonostante la sua straordinaria preparazione. Non si vuole censire ma riconoscere quella vitalità, quella instancabile volontà di ottenere ciò che si  prefissava, per il bene dei suoi concittadini, e soprattutto il grande  rispetto per chi lavorava e operava con professionalità.

A lui verrà dedicato nel  cuore di Piazza Torlonia, il largo dove è sita la fontana realizzata a fine ‘800 che Anna Maria Torlonia e Giulio Borghese donarono alla Città, in occasione della realizzazione del primo acquedotto di Avezzano.

Sono mille le cose da raccontare e da ricordare,   il suo  piglio, quel volto disegnato dalle rughe, quegli occhi di giovane entusiasta, quella eterna sigaretta tra le dita, il suo credere fermamente e appassionatamente nella sua terra:  “Nec  sine marsis nec contra marsos”  ripeteva ad ogni occasione.

Anche chi scrive ha nella mente un caro ricordo di quando il Prof. Spallone arrivava nella redazione di ATV7, si avvicinava e con quel  buffetto sulla guancia,  celato da una punta d’affetto, dimostrava il rispetto per il tuo lavoro.

Una leggenda, un carisma inimitabile.

https://www.facebook.com/DeAngelisGabrielesindaco/videos/948354448646277/




Lascia un commento