“Avezzano nel novecento. Fatti e memorie di un secolo”, in uscita il nuovo libro di Guido Jetti



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

AvezzanoLa Casa Editrice “Edizioni Kirke” rende nota l’uscita del libro “Avezzano nel novecento. Fatti e memorie di un secolo” di Guido Jetti. Dalla quarta di copertina del libro: «L’Autore esamina sotto la lente d’ingrandimento alcune questioni cruciali della storia novecentesca avezzanese e marsicana, epoca di rottura definitiva con il passato ma anche di occasioni mancate, in una «‘piccola patria’» che, – come afferma Natalino Irti nella Prefazione – «non è il luogo di un’immobile quiete: è, anch’essa, il luogo di faticosa e spesso dolente umanità; anch’essa conosce le scelte dell’economia, il patriottismo militare, l’urto delle classi sociali, il ritorno alla democrazia elettorale. Questa vita si popola di nomi e volti, riemersi dall’oblio, da quel dimenticare, così duro e impietoso, che oggi accompagna il nostro cammino».

Corredano il volume alcune rare illustrazioni dell‘epoca e un ricco apparato documentario. Guido Jetti è nato ad Avezzano (L’Aquila) nel 1932. Magistrato dal 1958, ha collaborato a numerose riviste giuridiche. Appassionato di ricerche storiche e archivistiche, ha scritto: Cronache della Marsica (1978); Fucino: massoni e preti (1983); Camillo Corradini nella storia politica dei suoi tempi (2004); Il referendum istituzionale (tra il diritto e la politica) (2009); La Destra prima della Fiamma. La parabola del Partito fusionista italiano (2011).

Per Edizioni Kirke ha già pubblicato: La Marsica in due secoli. Tra intellettuali, sovversivi e latifondisti (2012); Il Re, il Parlamento e le barricate di Napoli (1848-1849) (2014); Avezzano e il prosciugamento del Fucino (2016).

120 pagine – ISBN: 9788897393429 – in commercio (euro 14,00)

"Avezzano nel novecento. Fatti e memorie di un secolo", in uscita il nuovo libro di Guido Jetti




Lascia un commento